08 November 2014

Letter from Lhasa, number 353.
L’Intrigo Scolastico di Tom Perrotta

Letter from Lhasa, number 353. L’Intrigo Scolastico di Tom Perrotta
by Roberto Abraham Scaruffi

Perrotta, T., Intrigo Scolastico, Edizioni e/o, Roma, Italy, 2009.
(Perrotta 2009).
Tom Perrotta

Il libro, un lavoro del 1998, qui in traduzione, è utile per riempirsi o liberarsi un due o tre ore, e farsi trasportare in scene di vita statunitense.  

Diversi personaggi si alternano e parlano al lettore. Varie storie si intrecciano rapidamente con la trama principale (un’elezione di un rappresentante studentesco di una scuola media superiore) che è come un atto dovuto, un’esigenza di ordine per la narrazione. 

Con arguzia e naturalezza, l’autore originario ed il traduttore fanno vivere un piccolo spaccato degli Stati Uniti dei primi anni ‘90. Pulsioni del momento cambiano od influiscono sulla vita dei vari protagonisti, che è poi quello accade nella vita reale qui linearmente rappresentata.


Perrotta, T., Intrigo Scolastico, Edizioni e/o, Roma, Italy, 2009. 

Letter from Lhasa, number 352.
No Place to Hide

Letter from Lhasa, number 352. No Place to Hide
by Roberto Abraham Scaruffi

Greenwald, G., No Place to Hide. Edward Snowden, the NSA, and the U.S. Surveillance State, Penguin Books, 2014.
(Greenwald 2014).
Glenn Greenwald


This is a book about unaccountable government, about unaccountable power. It opens a windows on a world, the world of government/power, where nothing is how it seems, how as it appears, where there are stacks of deception not of easy detection, and not easy to penetrate and overcome for discovering elements of truth or of possible truth. 

When Glenn Greenwald (US citizen residing in Rio de Janeiro) and Laura Poitras (US citizen residing in Berlin) went to Hong Kong to meet Edward Snowden, the Guardian gave them a ‘babysitter’, the Scottish Ewen MacAskill, who is its defence and intelligence correspondent.

Snowden commented: “But you know you have a minder. That’s why they sent him.” In fact...

In the real world, it is not really possible to be defence and intelligence correspondent of an important newspaper without being fully accepted from the military and from the intelligence community. Ewen MacAskill was previously, from 2007 to 2013, Guardian’s Washington DC bureau chief. No one may enjoy that position without being fully accepted from the US government and establishment, so, again, from their Secret Police Disservices.  

That is not necessarily a defect of the journalist who may be extremely naive and who may be manipulated without being aware of being such. For a British journalist, it is very improbable that he be naive. On the contrary, the field of manipulation and hetero-directions is a very delicate field in which no event or possibility may be excluded or judged improbable.     

One may easily hypothesize that the British SIS-MIx, the Intelligence Service[s] of the Crown, eventually with the agreement or non-opposition of NSA-CIA fractions, were part of the operation for managing the Snowden defection.

All that is not necessarily a subjective guiltiness or defect or sin, however that explains why this NSA story could be relatively easily published. It is a tale that when news are passed to media they could not be easily censured and those provided them could not be easily isolated and variously removed. Current brainwashing make to believe that there be any freedom or any [from power] uncontrollable and uncontrolled space. What there is not.

Snowden is finally a young men. He is a specialist in hacking and was part of the US intelligence-terrorist machine. That does not make him an expert in international affairs and, apart from that, it would have been really problematic, for him, as for whoever else, to find a place of the world really free from the US and British influence. He reached Hong Kong. Maoist China is a British-US creation and fully inside, even if unofficially, the area of British-US terrorist. Hong Kong has some special status, since its previous British belonging, and with continuing British strong influence.

The US positively [positively from their point of view of their goal, or apparent goal, of isolating Snowden ] intervened on Cuba and other Latin America countries for avoid whatever possibility, from him, to find whatever refuge. They intervened also on China, as on whatever possible refuge for Snowden. Even in the case of Russia, it was evident the deep lag between its supposed independence and the strong US and British influence over it, even if it finally accorded some refuge to Snowden. That means that, apart from official quacking, the US government did not want Snowden back.  

Even if now everybody is informed about the NSA & associates practices, these practices have not been stopped or limited. Everything is going on as before, now even in a stronger way if publicity could not cause the end to this form of State/government terrorism and totalitarianism. Finally, people, the average louses, do not worry, not at all. The Edward Snowden revelations actually subverted nothing. Of course, it is not his fault. We are only trying to represent reality.  

Economic espionage from the Anglo-American countries relatively to all the other ones, by the interception of whatever communication in the whole world, is not a novelty. Anyway good that this book repeat this information.

Parliaments are pure cover for State Terrorisms and State/Government Totalitarianisms. Against the single MP is used, from insecurity and deficience bureaucracies, the same paranoid sophism they use against the other subjects: there is a danger, you have to accept whatever we order to you to do and without posing any real question. And also each MP reacts as whatever other average louse: by complying.  

Bureaucracies follow their internal dynamics. Bureaucratic proliferation is the natural syndrome of whatever bureaucracy because it increases its power by increasing the number of its employees and the sums it can spend. So, finally, bureaucracies absorb enormous resources. Costs and wastes are bureaucratic power! Also the intrusion in individuals’ lives, and their control, is additional bureaucratic power.  

On the other side, bureaucrats have not superior skills and they do not pursue any superior goal. They only pursue their psychoses as individuals and as a collective entity, a mafia-style entity. Not casually, much of the government activities are secret, and this secrecy is growing since the criminal and insane side of government is progressively growing and overwhelming. Criminals do not like publicity.

Glenn Greenwald’s books is about privacy, so objectively misleading. Is it really a question of privacy?

He, and people as him, argue that if you feel observed you behave differently. It is true. In fact, it is not a question of reality but a question of perception. If you do not know, or if anyway you ignore or decide to ignore, you are observed, you behave again differently from if you think you be observed. Not necessarily censoring yourself. In real people, censorship combines with exhibitionism. You may simply ignore you are observed. You may build various stages of indifference. You may feel observed even when you are not. On the other side, religious education, but also religious or ethical one, condition people to feel observed, observed from God or observed from one’s own values, ethic and so on.

This psychological and philosophical arguing is only a limited aspect of reality. If technology makes total control possible, it will be used. These pro-privacy liberals would like laws obliging government to restrain or self-restrain its invasiveness. This is an illusion, a mystification too.

Already now there are laws against privacy violations, against abusive interception of subjects, proclaiming various legal rights. They simply do not work. They are just propaganda. Even if government accepted a real restriction or self-restriction of its possibilities, realty is binary, double, from this point of view. Pro-privacy liberals mystify from this point of view helping hiding this reality of a double government. That may not be their intention. It is not relevant. It is what they do.

There is a formal or normal or official government, the government as it is claimed, as actually it is claimed in propaganda. And there is the same government with the face and the practices, the legal powers too, of a parallel government, of a criminal government. They are the same government. They are both legal, even if the parallel law, the parallel government, is not known to the ordinary subject and not, or not in detail, exposed in educational institutions and in legal books.

There is the law for everybody, more or less for everybody can afford it, and there is an usually secret law for the parallel government. There are normal police disservices, deficience agencies, armed forces, and there are secret police disservices, secret armed forces, secret deficience agencies, with special powers, in practice with absolutely unaccountability relatively to the judiciary etc, so with the power to violate whatever current law and practice, at institutional orders, and in the name of a supposed “national interest”, “emergency state”, “imminent danger” and similar sophisms.

Government, using this parallel law, can commit whatever crime, inside and abroad. Also internal terrorism and mafias are created and managed using this Secret Police legal frame, a parallel law nullifying the official one and covering whatever crime. The State Secret, the classified information, the same State Secret on the State Secret, permits to keep totally covered, nearly invisible, these activities of the parallel government, which is, we repeat that, the official government but doing different things from those claimed, absolutely insane and criminal although with legal cover, with the cover of the secret law.  

There is no difference between Republicans and Democrats, Conservatives and Labour or Lib-Dem or other, left, centre or right, communists, liberals and nazi-fascists, once they are in office. Once in office, such is government and whatever political colour, or absence of colour, has to follow these rules where normal government and insane-criminal one are only two faces of the same government. The point is that criminal practices are not used from some moral people in the name of some superior interest, but from insane and criminal louses self-proclaiming ‘institutions’. And it can be only such.

The politician is a showman/woman used for conquering the vote of the people he/she deceives. Once elected, and even more if he/she becomes an administrator or an institutional figures, he/she surrounds him/herself of a staff not really different from him/herself. All these institutional figures variously interact with the bureaucracies they should, in theory, lead. Government, as a whole as well as in its various factions and sub-factions, variously interact with economic and financial interests have contractual power relatively to it.

Technology destroys privacy At the same time it can help to defend it, in some limited aspects, if properly used. Since one cannot rely on government self-restraining itself, perhaps one should pursue absolute publicity, the absence of privacy, also for government, for secret/parallel government too. Of course, without any real illusion. Criminal/Secret/Parallel government will always try to preserve itself and its insane criminal practices. In fact, government is against the free diffusion and use of technologies, which are under tight government control and monopoly. Only technologies permit to control subjects are freely buyable and usable from the same subjects who in this way pay for being controlled. See the mobile phones.  

We have no program and no preference. We are only exposing problems, which may be have no solution. On the other side, the large majority of subjects are just louses anxious to uniform themselves to power and government, and there is no reason, also no utility, to try to change them.    

Glenn Greenwald arguing about terrorism and antiterrorism, although journalistically elegant, and also journalistically superficial and vain, is decidedly deceptive in its essence. From 9/11, to nearly all terrorist operations, they have been cases of State/government terrorism, not external threats. Also before the 9/11 Bush-Cheney terrorist attacks. Where, occasionally, some terrorist attack has not been directly organised from Secret Police branches of the CIA, FBI or other government agencies at government orders, it was anyway organized and implemented from terrorist groups created on government decision, promotion, sponsorship and eventually with government fully informed of going on attacks. Terrorism always is a government activity. No independent terrorism is possible. It is too expensive and it needs technical tolls only governments have. This is what happens in the USA, UK, but also, with some exception deriving from foreign interference, in whatever country of the world. When there are ‘terrorist’ attacks, first look at the people formally and actually in office. Later, examine eventually other options but only if stronger forces can interfere with the will of the people on office. They organize and manage terrorists and terrorism, obviously publicity denying whatever their responsibility, so declaring responsible other, eventually ‘obscure’, entities.   

The Modern Prince, the contemporary bureaucratized governments, are terrorist and super-terrorist entities. They need terrorism for justifying bureaucratic proliferation and overwhelming militarization implemented with the justification of “fighting terrorism”. In this way, States/governments strength their totalitarianism.

One of the merit of Glenn Greenwald, apart from having contributed to publicly disclosing some materials collected from Edward Snowden, is to have shown that many well known journalists, as well as civil liberties supposed defenders, are just Secret Police agents at the service of government and power. That is what happened against him, labelled, from many of them, as a criminal to be prosecuted, while he was only doing his job. As it always happens, the problem, for power and government, was not their own insane and criminal nature and acts but those who denounced and cooperated to denounce it using their same secret documents somebody disclosed.   

It is also interesting and useful the author’s arguing about personality destruction. Just government identifies a target, it launches its dogs for slandering in all possible way its target. That happens at whatever level, be a target famous and ‘important’ or be not such.



Greenwald, G., No Place to Hide. Edward Snowden, the NSA, and the U.S. Surveillance State, Penguin Books, 2014. 

27 October 2014

Letter from Lhasa, number 351.
“Democracy” is just the testing of successful brainwashing

Letter from Lhasa, number 351. “Democracy” is just the testing of successful brainwashing  
by Roberto Abraham Scaruffi

The origins of Trade Unions may be traced back to XVIII century England. The industrial revolution imposed to both Capital and State/government to invent new forms for regimenting and militarizing the masses. Of course, nothing is finally ever so new. Medieval guilds became now mass entities for the proletariat. With State/government simulating to be class-neutral, and anyway obliged to face the bestial and primordial exploitation of people from the new entrepreneurs of the industrial revolution, exploitation was eroding the same ability of people to serve in the army, it was State/government interest to promote organizations, in some way protected, but also controlled, of the new working force. Also Capital finally, after the initial aversion, discovered that it was easier to buy Trade Unions than to pay militias of thugs and killers, which finally were unsustainable on the long term.    

The tale of workers spontaneously self-organising and finding funds, and power covers, for Trade Unions and “workers’ parties” is just a legend for idiots, useful for people brainwashing. Power invents the “working movement” and diffuses the tale of its spontaneous self-creation. Power invents and diffuses “working movement” ideologies, Marxisms included.

When entrepreneurs were too myopic and stubborn, and played only the card of open violence against workers, governments even mobilised, with police cover, organised criminality for helping workers to face Capital’s open violence. Not only State/government has a class nature, but it is also a class, better a block of bureaucratic classes, by itself.

‘Marxism’ [better ‘Marxisms’], an invention of the British Empire, of its ideological apparatuses, of course deceived and deceives about this aspect. State/Government not only serves Capital and only Capital. Proletariat’s or workers’ States/government are technically impossible. But State/government is a class entity, a bureaucratic block, by itself, interacting in various ways with private powers, with Capital.

For instance, the British Crown and the Presidency of the USA are primary political and economic-business actors, with other formal institutions largely reduced to a masquerade. Of course they need to preserve their supremacy interacting with other forces, for not being in some way overcome, or destroyed, or replaced, although the tools and ingredients of real power, starting from Secret Police apparatuses, be on their hands. State/Government has a class nature but it is also a class by itself. On the contrary, marxisms deceive claiming, or in this way it is made to understand, that State/government be as a neutral entity at the automatic service of the capitalist class or supposed such. Actually, bureaucracies are a block of classes with specific interests. 

Trade Unions, even more than political parties, are elements of the progressive and open militarization of masses while claiming that masses, as well as individuals, have rights. The militarization of masses is an immanent phenomenon in history, although until historically recent times without the mythology, the mystification, of rights and liberties. Of course there is an evolution, from the paternalism of ancient times to Fordist or para-Fordist techniques of mass militarization and control.

The meaning of convincing people that they have rights, while they are totally and totalitarian submitted and dominated, is that now government and power want to impose their tight control on the minds of people. While technological advancements impose some more advanced acculturation and education, government and power want to be sure that people do not use this more advanced acculturation and education for ‘heresies’, for some even limited form of liberation or even only of independence from power. Consequently knowledge must be mixed with ignorance. Overspecialized knowledge must he combined with basic ignorance about whatever be outside the needed overspecialized knowledge. Power needs absolute submission and only in the partiality of knowledge and understanding there is happy submission. Power and powers, government in the measure it is power and tool of power and powers, need machines, obedient louses, not real individualities. 

Destroying knowledge while developing overspecialized and fragmented knowledge, government and power destroy also their capabilities of understanding and governing. In fact, global understanding is not in some other, eventually mysterious or inaccessible, place. No, it is nowhere. Supposed global planners are not cleverer and wiser than common louses.

The some government and power are annihilated by the proliferation of offices, centres, agencies and disservices, only for trying masking, even to themselves, that centres of general and global government and power do not exist anywhere. Bureaucratic proliferation, with its growingly useless civilian, police and military bureaucracies, is the same negation of Fordism, of whatever efficiency, was the initial justification for the dramatically increased militarization of masses.

When government and power have a problem, they create an office, a new bureaucracy whose only concern is to invent additional problems for justifying its existence and its further expansion. When its further expansion is clearly useless for solving the problems it has created, government and power create new offices, new bureaucracies, which equally have as their only concern to create additional problems for justifying their existence and their further proliferation. And so on.

Although the illusion of control survive and develop mephitic and dominant, State/government and power openly act as terrorist machines without any real connection with reality. State/government and power create reality, their borderline or imaginary realities made to become real for what they can, or even only imposed as they were real. They create the frame inside which they operate. They waste enormous sums and energies for creating and managing various forms of apparently-private terrorism only for wasting other enormous sums and energies for simulating fighting it by the destruction of individualities.

You must be totally submitted to power because there are immediate dangers only your absolute submission to power can help facing and reducing. However it is power creating all that! Your absolute submission is the goal, without any real justification if not that power want that. Nothing new. People want to dominate other people. Those who can dominate want to dominate those cannot avoid being dominated.

“You must accept the destruction of whatever residual or latent individuality you may still have because we have to protect you, you as a single subject and you as a mass of subject!”: that is what is claimed from the same psychopathic and ignorant subjects pretend to dominate other subjects only because they can use and they use force for submitting other subjects.

‘Democracy’ is a propagandistic invention. Since no people have equal real power, no people can have an equal share of formal political power, or other forms of power, apart from on irrelevant questions and at very low levels.

For complex questions, people simply have not the competence to deal with problems. Consequently people can be easily manipulated. In addition, people are usually happy to be just obedient louses at the orders of hierarchies. To claim that people become suddenly competent, free, and real and honourable human beings when they are called to deposit a ballot in a ballot box is just deception, propaganda.

More the functions of government be specialized and the power structure consolidated, less there is any space for whatever, even only formal, real democracy. Formal democracy became only the ground for the selection of the faces impersonating formal power, where the best cheaters prevail. Each politician is a demagogue and/or part of a demagogic politico-electoral machine, where double speech and double-thought/doublethink dominate.

It is not only a question of demagogy or rabble-rousing. Politics is largely a question of marketing for building consensus around the Modern Prince, so around State/government and powers dominating it. Consensus is a question of material interests but also of psychological-emotional satisfaction. Consensus, from a psychological-emotional point of view, and also for covering insufficient achievements from the material point of view, is frequently built against something or somebody.

All politicians, of the different political parties of factions, are, or simulate to be, against something or somebody. They are all ‘against’ although finally working for the same State/government and power, and implementing the same, or basically similar, policies when in office. If whatever regime or party or party-block is in some way attentive to built some material consensus, part of it is the conquest of the people minds. This is made by advertising mechanism progressively evolved to modern sophistication, which has built similar conditional reflexes, stereotyped and idiosyncrasies in everybody.

From the point of view of the electoral consensus, politicians do the work of acquiring the final consensus of electors what is more a consensus against something or somebody, not only and not overall for achievements since people finally knows that electoral promises are largely propaganda. So party consensus is built on the danger that somebody else could win and to do something worse. Consensus is not built on impossible bests but simple on the fear of something worse. So, finally, people vote against, against a supposed worse, the other party or parties, “the enemy”.

If parties invents party enemies, State/government invent, create and manage collective enemies. For that, it constantly invents, creates and manages mafias, terrorisms, conflicts and war. It invents them for annihilating people and for making them well subordinated to power. This also defines the tight and limited range of public [pseudo-]debate. Around this stereotyped and idiosyncratic public debate, political parties cultivate their electoral fields. Of course, political parties, not differently from Trade Unions etc, appear as credible because they are government or para-government parties. Differently nobody would follow and vote for them. The same may be said about politicians.

‘Credibility’, not differently from what is called charisma, is a construction and reflects that no real power finally have banned a certain politicians. The range of options for removing a power-disliked politician covers whatever option, although basically an incoming or perspective politician be followed not for his/her points of views or actions but for the possibilities/sub-power be given him/her from power, from powers and States/governments.

The political arena is not a space for debates and ideas, apart from the ones stereotyped and idiosyncratic power uses for people brainwashing and conditioning. The only spaces for real debate and ideas are Hyde Park Speakers’ Corners where usually nobody listen and whatever told be anyway irrelevant. No other one!

Whatever revolution, or so-called such, always justifies its terrorist practices, assassinations, massacres, militarisms, abuses, claiming to do that in the name of, ‘rights’, “human rights”, and so declaring to pursue them. When government and governments stated rights for their subjects, there were always exceptions so that with the cover of currents laws or of extraordinary ones (a parallel and sometimes secret law always existed) government was always be able to do what it wanted, legalising whatever abuse and violation of the ‘rights’ and “human rights” it officially claimed.

State terrorism, in all its forms, reflects the terrorist nature of government, what in continental Europe is called ‘State’. The terrorist nature of government perfections and is perfectioning with the Modern Prince, an apparently impersonal bureaucracy in progressive proliferation and compexification. Technological evolution continuously offers new tools to State Terrorism, tools government voraciously uses, openly showing that its subjects are its enemies it does not trusts, it controls, or tries controlling, in whatever aspects of their lives and thoughts, it wants to be able to repress and also to assassinate with extrajudicial practices make legal with various legal-administrative tools or simply using its Secret Police Disservices, its Death Squads, anyway legally covered and so totally unaccountable from the point of view of the ‘normal’, official, police and judiciary apparatuses.      

Now, the Modern Prince is in the stage of the dronization of its terrorist practices against its subjects. People to be assassinated, tortured or harassed/persecuted are automatically defined and assassinated, tortured or harassed/persecuted using drones. When there is, in the processes/procedures, in the “command chain”, some ‘human’ intervention, the ‘human’ cannot, do not want, contradict automatic procedures and, more generally, what other louses as it expects from it.

Frequently, different levels of command have not control on what will be done and on the correctness of the provided information justifying a certain action. Different levels of command have only the function to deresponsibilize whatever actor or agent of the command chain. So that, if there are mistakes or errors relatively to predefined courses of action, no one be accountable.  

Is it all that reversible? It does not seem such, although criminals fear publicity, even if publicity does not seem to hamper State Terrorism but only showing that the large mass of subjects metabolizes and accepts to be reduces to impotent louses, or to remain such. After some decades of obsessive claiming, overall as offensive tool for enemy regimes’ crashing, of rights and human rights, the public awareness that that only was empty propaganda is simply accepted from the quite totality of subjects. Some marginal opposition to that is simply used from government, from power, for openly and arrogantly declaring its successfully imposed conformism and totalitarianism.    

The current dronization of State Terrorism wants to automatize extrajudicial assassinations and massacres making these automatically triggered on the simple hypothesis that a subjects may deviate from current mass conformism and brainwashing/lobotomization. Automatic procedures label subjects. Other automatic procedures are triggered from these labels and lead to automatic actions. 

Also the S/G-OS operations, and the equally already existent various forms of electronic torture and annihilation, will be implemented using drones both automatically self-activating, and provided of lists of targets created from psychopathic and criminal government functionaries. 

For deresponsibilizing single functionaries, governments and other power entities usually use committee-systems. However, it is sufficient submitting whatever insanity and crime, but in the proper form, and it is automatically approved. These committee-systems are just deresponsibilization techniques. De facto, whatever insane and criminal government [or other power entity] functionary may have, at certain levels, an unaccountable power.

Paradoxically, the official claiming that individuals have rights is a government/State technique for affirming its monopoly on  individuals’ ownership.

Government/State/Power affirms that people have rights and inalienable rights, so it establishes, time to time, who has rights and who has not, because nobody has rights and inalienable rights in front of power. Everybody has rights because no one has them in front of power. Sure they ‘have’... However power is power precisely because it can deny whoever and whatever right. So, actually, no one has rights.  

Overcoming slavery was a way for affirming that everybody was a slave, relatively to the Modern Prince, to contemporary government. Claiming that people have rights, inalienable rights, is a way for imposing the government/State monopoly relatively to these rights. In practice, one theoretically has rights, whatever right, until government denies them according to its indisputable decisions.

This government/State attitude is nowadays public, openly claimed. Government/State, power, continuously states that for defending “our rights”, “our liberties”, one has to renounce to them leaving government absolute and totalitarian powers. This is possible because rights and liberties never existed, apart from in propaganda, in official rhetoric.  

Even at theoretical level, it is a long time that theories about the state of exception have been stated. Anyway, also before this open theorizing, the state of exception has always been practiced. What is the state of exception? The state of exception is the government possibility to transcend the rule of law in the name of a supposed public good. From whom is this public good defined? From the same people of the government. So the same source defines what the public good be and how to pursue it despite whatever rule of law.

There is a law for everybody, the so-called rule of law, even if not really implemented in a fear and egalitarian way. At the same time, there is the power of government to legally do whatever it likes despite whatever law, so inventing the norms it needs. Whatever State/government crime is automatically legal even if illegal according to current laws. So State/government/power crimes do not exist because it automatically legalizes whatever crime it commit.

Nuremberg [and similar post-war trials]?! Just propaganda shows for further humiliating defeated enemies, suddenly transformed in allied after these purges-humiliations, after having occupied and submitted them!   

The state of exception is a permanent state of emergency without the need to be openly declared and where government creates and even invents the reasons for this permanent emergency, exception. It is what nowadays openly happens.  

International conventions and UN statements are just fried air. They are just propaganda. Governments/States/Powers hire and pay intellectuals. These intellectuals write propaganda declarations, and claim and teach that a rights’ new era opened. It is just brainwashing for the masses of subjects. 

Universal suffrage progresses with the progression of the advertising industry, which is a brainwashing industry. By universal suffrage, people are made active protagonists of their oppression. Individuals have the right to vote and to be voted, what is a false power anyway disappears just the vote is cast. Actually, the non-voting people have more power because they show not to be so idiot and so deceivable.

One votes and has no power over the people one has voted. Also the elected politician, or other institutional figure, is taken in charge by superior forces managing him/her in various ways. Parliaments are growing bureaucracies with no real power for the people’s supposed representatives.

On the other side, whatever real democracy would make impossible to govern, although the fiction of democracy be not a solution to this contradiction. ‘Democracy’ has been presented as a value and an acquisition while it be actually impossible and it exist nowhere. The same economic freedoms, “economic democracy”, are subjected to the despotic uncertainties of government allowing or allowing not, also by illegal means, private economic activities. Everything exists, of course, ...but only until power allows it! So nothing exists outside power’s will.  

Power finally obeys to chaotic dynamics with uncertain outcomes and with no precise logic. It reside nowhere, even if it may be exercised or implemented only because there are people in some way obeying to these giving, at the various level, orders. That does not solve the questions, deadlocks and pitfalls produced from the immanent reality that the subjects executing orders execute what they understand, in the way they can and also with further “white noise”. Even the dronization and automatization of power does not solve these questions, deadlocks and pitfalls.          


The more a State/government is extended, the more it is penetrative, the more it practices various forms of prebendalism, patrimonialism, neopatrimonialism. Of course, these concepts are used about and against the others, the ‘inferiors’, the States/governments the Empire wants to dominate and eventually to annihilate. So, finally, these concepts are used as propaganda concepts, while they well describe the reality of power and government also of the Empire, Empire which extends its power tentacles on all the countries of the world, or in the large majority of them, even in areas formally outside its alliance networks, even in officially claimed opposite camps. 

22 October 2014

Letter from Lhasa, number 350.
Di nuovo sul 1992-93 e connessi

Letter from Lhasa, number 350. Di nuovo sul 1992-93 e connessi
by Roberto Abraham Scaruffi

Ora se ne può parlare in modo più completo perché sono venuti fuori dettagli ovvi eppur incredibili al lobotomizzato medio. La gente vede le cose al cinema ed in TV e quella è, per loro, “la Storia”. Quello che lì non appare, invece, non esiste. In queste cose, capivano tutti di più (non che, alla fin fine, avesse qualche importanza) prima che esistessero i mass media o, supponendoli esistenti da sempre o da molto, prima che essi fossero invasivi come lo sono divenuti sempre più.

I governi italici, dunque pure, a maggior ragione, soprattutto dopo il colpo di Stato di Capaci del 23 maggio 1992, i Presidenti della Repubblica, si fanno all’Ambasciata Britannica, non senza, verosimilmente ed ovviamente, in particolare dopo la IIGM, che pure i tonti statunitensi ne siano coinvolti anche se sembrano maestri nell’arte di scantonare, di apparire estranei. Lasceranno fare ai britannici, in Italiozia, dato che questi l’hanno inventata e creata.

Non a caso, i britannici non volevano Italiozia nella NATO, considerandola loro proprietà privata, dunque superfluo aggiungere a questo status i vincoli, di subordinazione, dell’appartenenza alla NATO. Sarà Italiozia, la DC, a volere l’inclusione nella NATO per creare un qualche dualismo rispetto alla dominazione assoluta dei britannici. Essere servi di più può talvolta offrite qualche, pur effimero, spazio di manovra. Non che sia stato usato per grandi cose, visto il corso sottosviluppista rapidamente imboccato dall’Italiozia DC-PCI, dopo qualche pulsione sviluppista nella DC, o da parte di personaggi o componenti attraverso la DC avevano rappresentanza o copertura istituzionale.  

Il regime britannico è strettamente centralizzato nella Corona, eventualmente con qualche dualismo, per dettagli non principali, non su questioni di potere e di potenza, col governo formale che è pur sempre un governo della Corona, non qualcosa il Parlamento, e le oligarchie esso cela o di cui è espressione, si scelga di testa sua. Le oligarchie devono comunque passare attraverso la mediazione della Corona, che è l’oligarchia principale e propulsiva, ed intende restare tale.

Il regime statunitense, pur con una sua unitarietà e con centri sviluppisti forti, decisivi come nel regime britannico, si fonda su una struttura statuale più diversificata, più a cerchi concentrici ed anche, talvolta, confliggenti. Il Presidente e la Presidenza hanno una loro supremazia pur non indiscussa né indiscutibile. In Gran Bretagna, le Polizie Segrete sono sotto lo stretto controllo della Corona, e le oligarchie di cui essa è espressione centralizzata e decisiva. Negli USA, v’è una certa diversificazione, non necessariamente tra Presidenza e Congresso, dato che le Camere appaiono sempre più agli ordini della Presidenza per quanto magari non sempre e forse non irreversibilmente. Alla fin fine, le istituzioni formali sono, negli USA, veicoli attraverso cui le differenti oligarchie si esprimono, si scontrano, e trovano, o  si fanno trovare, sintesi. Non sempre le trovano, per cui le stesse Polizie Segrete, e loro differenti uffici, si soprappongono ed interferiscono.

Il fatto che le politiche, e le apparenze politiche e politico-istituzionali italiche siano decise dell’Ambasciata Britannica e dintorni non ha la minima inconsistenza né logica né storica. Italiozia, quella che si trascina fino ad oggi, viene inventata definitivamente a Londra e realizzata, nel 1860-61, con un’operazione terroristica britannica. Ed i britannici non abdicano mai al loro possesso d’Italiozia, che essi creano. Mai. Neppure quando sembra che Italiozia si sia scelta la sponda bellica anti-britannica. 

Le logiche della politica, della geopolitica e geoeconomia, e del potere non sono poi complicate, se si guarda quello che si ha sotto il naso. Se vuoi contenere una Francia pur battuta e dunque assoggettata, ma sempre intimamente ribelle, oltre che indebolire l’Impero Austro-Ungarico, creare un argine all’Impero Ottomano pur già colpito su vari fronti dal terrorismo britannico, tenere a freno eventuali mire russe sul Mediterraneo, oltre che dare altri colpi al già battuto e distrutto Impero Ispanico, è sufficiente e doveroso, o così credono le paranoie britanniche, trasformare quell’eterogenea penisola italica (lo spazio convenzionalmente sotto le Alpi) in uno Stato unitario. È quello fanno.

Inventatasi Italiozia, il terrorismo britannico dà corpo definitivo a ciò cui sta lavorando da tempo, la creazione di uno Stato tedesco-prussiano, con centro in Berlino. Il 18 gennaio 1871, a Versailles, sulla sconfitta bellica della Francia, nasce l'Impero Tedesco, con Guglielmo I come Imperatore. Serve a contenere le Russie e l’Impero Austro-Ungarico, oltre che la Francia verso nord-est. La creazione della Germania è un lungo processo su uno spazio estremamente eterogeneo quale è l’area su cui poi si estende questo Stato, oggi compresso ad ovest dopo che gli sono stati sottratti i territori ad est, divenuti russi, polacchi e chissà cos’altro. 

La ‘logica’ [spesso solo paranoie] geopolitica della creazione della Germania non è poi così differente da quella che ha condotto alla creazione d’Italiozia. Tra l’altro, pure lì si individua una Casa Reale, lì gli Hohenzollern, attorno a cui unificare un vasto spazio che sarebbe felicemente prosperato frammentato. È un’applicazione delle stesse logiche/paranoie, solo nel cuore dell’Europa anziché nel Mediterraneo.

In Italiozia, vengono scelti i Savoia come fantoccio direttamente britannico, data la loro inconsistenza politica e militare. Per cui la subordinazione è totale. Al contrario, la Prussia è militarmente più consistente per cui la subordinazione ai britannici è più mediata, e con risultati contrastanti, dato che il Golem si rivolta contro il creatore.   L’Italiozia savoiarda usa uno pseudo-liberalismo ‘inglese’ per distruggere l’economia delle aree assoggetta. La Prussia usa tecniche stataliste tipiche degli Stati sviluppisti, dei Developmental States.

L’invenzione di Italiozia risponde a visioni britanniche nel Mediterraneo dunque con una dimensione che lambisce tre continenti, o quelli sono chiamati continenti (alla fin fine solo solo convenzioni di geografi). Non che sia una logica tricontinentale. È semplicemente una logica che coinvolge pezzi di tre continenti.

Al contrario, la creazione della Germania ha un’ottica geopolitica forse territorialmente più limitata, nell’ottica britannica, anche se più dirompente dell’invenzione d’Italiozia. Con la Germania, i britannici danno una botta alle ambizioni verso il centro ed Est Europa della Francia, creano le condizioni della demolizione dell’Impero Austro-Ungarico [non si possono immaginare due Imperi germanici in tranquilla e pacifica coesistenza, senza una sostanziale competizione, dove inevitabilmente il nuovo e più vitale avrebbe affossato il precedente], e creano un solido argine alle Russie.

Pur organizzativamente decisamente inferiore alla formazione statuale britannica, e continuamente sottomessa ad influenza e terrorismo britannici, la formazione statuale germanico-prussiana ha centri sviluppisti che Italiozia non ha. I fascismi e nazismi sono invenzioni britanniche, in coordinamento con oligarchie interne essi controllano, od eterodirigono, in vario grado, maggiore in Italiozia, in modo differente in Germania. La differenza, od una fondamentale, tra Italiozia è la Germania, è che una viene costruita attorno ad un tutto sommato sbagasciato Regno Sabaudo mentre l’altra attorno ad una solida e vitale Prussia. Un militarismo da operetta nella prima. Un militarismo vero nella seconda. Per quando poi i difetti si possano trovare, e vi siano, anche nei militarismi veri. Del resto, l’Impero opera con quello che ha sotto mano. Anche se, per qualche scelta differente del destino, i britannici avessero costruito Italiozia attorno al Regno del Sud, non sarebbe stata migliore. Una Prussia mancava, nella penisola, né si è creata dopo.

Non sono distinzioni cervellotiche od artificiose. Si guardi, poi, alla macro-storia delle due formazioni statuali.

Italiozia resta un fantoccio non competitivo col padrone inglese. Mentre la Germania, pur sempre battuta dagli inglesi, cerca di porsi come potenza concorrente ed antagonista. Non fosse stata creata Italiozia, il suo spazio sarebbe stato occupato, magari anche solo come influenza, dai prima nominati e contro cui Italiozia è stata creata. Non sarebbe stato poi un grande inconveniente per gli inglesi che chissà se non avrebbero tratto maggior profitto dalla secessione della Sicilia e da una o qualche base navale sulla stessa.

La Germania, invece, forte Stato cuscinetto tra il Regno Unito e l’Impero Russo e quello Austro-Ungarico, proprio per la forza che si ritrova da Stato cuscinetto diviene un antagonista del Regno Unito ed esattamente di fronte ad esso. Ed il Regno Unito deve nuovamente ricorrere alle Russie che voleva contenere. Si crea la Germania. La teme. La batte, ma non troppo, nella IGM, voluta dagli inglesi. La ribatte in modo devastante con la IIGM, anch’essa voluta dagli inglesi. La Germania risorge, pur compressa ad ovest, potenza economica, pur organizzativamente inferiore agli inglesi, e nano politico-militare dato che i vincoli della sconfitta nella IIGM la tengono legata agli angloamericani e loro fantoccio.

Beh, le paranoie di potenza e di potenze portano a disperdere energie e somme enormi per farsi la guerra per cercare di essere primi o quasi. E quando sono obbligati al disarmo, come succede alla Germania dopo la IIGM, queste somme sono egualmente sprecate in burocrazie ed apparati militar-polizieschi per la militarizzazione dei sudditi. 

Si vedano un po’ tutte le creazioni britanniche e non solo. Sono tutti Stati inventati o tracciando linee sulla carta o seguendo configurazioni geografiche sempre da cartina geografica. Tra l’altro, la storia occidentale è una storia di clan, nobilitati con titoli reali e conclamazioni di discendenze o coperture divine, che sfruttano i territori riescono ad arraffare ad altri. Del resto, creata un’entità statuale ed assicurata ad essa una qualche solidità, nel senso che nessuno venga armato o si armi per affossarla, il resto viene più o meno di conseguenza, finché dura e, soprattutto, fino a che lo si fa durare. La stessa Germania, assemblaggio di regioni di passaggio, non ha alcuna omogeneità etnica né storica. Beh, ha una lingua, imposta dal sistema scolastico, e tanta ideologia per inventarsi che uno spazio tedesco sia sempre esistito nei secoli, cosa del tutto falsa come, mutatis mutandis, nel caso italico, e così pure altrove. Le identità sono sempre meccanismi di marketing, invenzioni propagandistiche e lavaggi/insozzi del cervello per i sudditi, per il materiale umanoide posseduto o che si pretende possedere. Il Moderno Principe non si contenta di dichiarare e praticare il suo possesso assoluto dei propri schiavi e servi, ma deve convincerli di essere loro i protagonisti, e pure felici perché lobotomizzati e fatti ardenti patrioti, magari pure pronti a dare la vita od a farsi mutilare per continuare ad essere schiavi e servi lobotomizzati di un potere non controllano e sul quale neppure influiscono minimamente.  

Esperti e centri del terrorismo intenzionale, con le sue branche locali a seconda degli interessi dell’Impero, sono sempre stati i britannici fin da quando l’Inghilterra si è erta a potenza europea e mondiale dunque contro tutte le altre potenze mondiali, continentali, sub-continentali. Piccole unità disciplinate ed agguerrite, dunque di delinquenti e psicotici spietati, sono servite ai britannici per assoggettare subcontinenti e continenti. Non che gli inglesi si siano mai fatti problemi di metodi militari e polizieschi. Tutto quello oggi addebitano agli altri, o ad altri, è sempre stato usato dai britannici ed è tuttora apertamente usato dagli USA. Con l’esistenza degli USA come potenza mondiale, i britannici si sono come defilati ma solo dalla prima linea mediatica. In pratica, essendo gli USA ben più ricchi, almeno come PIL dello Stato formale, i britannici lasciano sostenere a loro i costi. In guerra, tutti i mezzi sono leciti, per prevalere, e loro si sono costruiti e sono prosperati sulla guerra, sulla guerra permanente ed in tutte le sue forme. Propaganda e realtà, ideologismi e pratiche, sono davvero agli antipodi.

Ecco che l’Italia viene creata coi tipici metodi terroristici e mafiosi britannici. Le ‘misteriose’ origini delle mafie sud-italiche sono semplici. Se le creano i britannici che pianificano lo sfondamento terroristico del Regno di Napoli, il cosiddetto Regno delle due Sicilie. Non solo britannici ed USA si reinventano ed usano le mafie  per l’occupazione di Italiozia nel 1943. I britannici se le inventano ed usano prima per l’occupazione ‘garibaldina’ della Sicilia nel 1860, poi per lo sfondamento di quello resta del Regno di Napoli sulla penisola. I mille garibaldini, i mille terroristi mazziniani sotto direzione sabauda, che magicamente divengono decine di migliaia, è una delle tante belle storielle. Se stavolta i contadini non vanno allo sfondamento dei garibaldini, i terroristi di Mazzini [cioè di Londra] e dei Savoia [cioè dei fantocci designati dai britannici per unificare Italiozia], è perché gli agrari ed i loro picciotti sono stati previamente comprati dai britannici. Così come si erano poi rapidamente comprati aristocrazia e militari. Quando si sa che un potere superiore, l’Impero, ha deciso di sfondare uno Stato, uno dei soliti regime change, che sono dei regime crashing, tutti si allineano rapidamente coi vincitori designati. Sul campo, essi sono i garibaldini. A livello di future forme statuali, essi sono i Savoia col loro piccolo, pur non piccolissimo, Piemonte destinato a divenire Regno d’Italia completamente assoggettato all’Impero, allora l’Impero Britannico.

Si vedano gli atti parlamentari britannici dell’epoca, se si ha qualche dubbio che la creazione di Italiozia sia Stata una banale operazione clandestina, cioè terroristica, britannica. Ovviamente, il governo britannico non lascia trasparire nulla, a livello di dichiarazioni ufficiali. Ma non può impedire l’euforia dei parlamentari che hanno capito, avuto notizia di, quello che accadendo e se ne inebriano. Negli atti parlamentari britannici ciò traspare con chiarezza, nettamente.

Dalla creazione della base della Marina Militare nord-occidentale, La Spezia, a quella sud-orientale, Taranto, sono tutte decisioni britanniche. Una prossima alla Francia, l’altra al centro del Mediterraneo, dunque verso il sud delle Russie, l’Impero Ottomano ed eventuali altri. Anche le mastodontiche FFAA italiche che non valgono una pippa. Già quelle sabaude non valgono nulla. La ‘tradizione’ passa al Regno Savoiardo che diviene Regno d’Italia. Creano basi militari, un’industria militare, una Marina Militare di qualche spessore quantitativo ed anche di qualche qualità, pur non realmente competitiva col militarismo e l’organizzazione britanniche, perché il tutto è strettamente programmato, da Londra, per restare ad essa inferiore. Alla fin fine, le FFAA italiche servono solo ad avventure africane e per intimidire, sulla carta, non davvero in combattimento, i confinanti e prossimi. Si vedano i fallimenti, su tutta la linea, di Italiozia nella IIGM, sia sul fronte occidentale che nelle avventure balcaniche. Ma pure in Africa. Per esempio, contro gli inglesi, in Nord-Africa, durante la IIGM, le FFAA italiche perderanno 10-1. 10 italioti contro un soldato inglese, quelli coi loro ridicoli elmetti, ma ben agguerriti, nel momento dello scontro bellico.

Il fascismo, che si combina con la monarchia savoiarda senza soppiantarla, solo appesantendola con nuove burocrazie squadristiche e d’altro genere, è un’invenzione britannica. Come lo sarà il nazismo, inventato in coordinazione tra i britannici, gli statunitensi [nelle loro varie frazioni, da Wall Street alle mafie sioniste] ed i servizi di Polizia Segreta dell’esercito tedesco che conquista il potere assoluto, in Germania, con l’agosto del 1916, e da allora rimpiazza di fatto la monarchia, gli Hohenzollern, prima che sparisca formalmente con l’abdicazione del 28 novembre 1918. Ovviamente, la dittatura militare è un processo che si afferma progressivamente, durante la IGM, e già prima, con date del tutto convenzionali. L’analisi dei singoli episodi è di certo più conveniente di date convenzionali, per chi sia interessato al tema. In Germania, la militarizzazione delle masse inizia, o si sviluppa, già colla socialdemocrazia. Il nazismo ne è solo un’estensione ulteriore con altre burocrazie parallele allo Stato ufficiale e che ad esso di sovrappongono inutili e costosissime, pure del tutto insostenibili. 

Una dittatura militare, o altra, di per sé non è necessariamente qualcosa di drammatico. Senonché, i generali tedeschi brillavano e brillano per ottusità e grigiore, come del resto gli altri burocrati. Se talvolta eccellevano in qualche campo militare, non andavano oltre il loro ambito professionale. Inoltre, come tutte le burocrazie, il comando e la pianificazione delle operazioni da uffici, da Stati maggiori, li aveva progressivamente isolati dalla realtà. Ritenevano che comandi e linee tracciate sulla carta si traducessero automaticamente in realtà. Questo accadeva sempre meno alle FFAA a loro sottoposte, in via di progressivo logoramento, oltre che minate da burocratismo e disorganizzazione. Pur obbligate alla guerra dell’est da un imminente attacco sovietico, che prevengono di un paio di settimane, si ‘dimenticano’ di ordinare lubrificanti ed indumenti per bassissime temperature! L’ottusità tedesca è tutta lì. E la supposta risolutività degli ordini valeva ancora di meno nel governo dello Stato. Il tedesco è uno che finge obbedienza ma poi non è neppure capace di arrangiarsi. Chi contraddiceva le catene di comando, anche solo a livello di esposizione realistica di situazioni, veniva rimosso. Ciò che aumentava la loro sconnessione dai processi reali. Qualche successo politico-militare, come la sovversione nelle Russie [quella che produce gli eventi del 1917 e successivi] e simili, finiva lì. In effetti non risolse le sorti della guerra, della IGM, anche se alleviò lo sforzo tedesco liberando forze sul fronte orientale. Tuttavia, la dittatura militare sopravvive alla disfatta bellica di cui era stata, in parte rilevante, responsabile. Corpi franchi e nazismo sono le sue genialate foriere di nuovi disastri per la Germania. La manipolazione britannica dell’idiozia militare tedesca si fa evidente se solo non ci si tappano gli occhi. I britannici dirigono i giochi e conducono una Germania impreparata, ma anche che avrebbe avuto tutto da guadagnare dalla pace come scelta strategica, ad una guerra totale che non può vincere. Prima la sovra-militarizzano, e pur con l’aggiunta delle elefantiache ed insostenibili burocrazie naziste, poi la drogano con qualche effimera vittoria. L’annessione della Cecoslovacchia serve alla Germania per far cassa per le costosissime burocrazie naziste. Con l’illusione delle facili vittorie, e poi manovrando le Russie, cui gli inglesi promettono tutta l’Europa riescono prendersi con l’offensiva generale programmata per l’inizio di luglio 1942. È facile per gli inglesi far scattare il trappolone di una guerra totale che la Germania non può comunque vincere. La burocratizzazione, disorganizzazione e corruzione tedesche lo impediscono, prima che ‘dimenticanze’ come i lubrificanti e gli indumenti per la guerra nelle bassissime temperature, la funesta alleanza con Italiozia, gli antiscientifici dogmi nelle scienze che paralizzano la ricerca per le “armi segrete”, la subordinazione al sionismo statunitense che porta la Germania alle persecuzioni e stermini razziali. I tedeschi, come sempre, non c’arrivano col cervello. Come in tutti i burocratismi, chi più avanza nelle carriere, chi diviene generale o statista per esempio, è perché ha passato più tempo a mangiare merda e ad ingoiarne di più. Il che non è davvero, anzi non dovrebbe essere, una grande referenza.  

Dunque, gli anglo-americani occupano Italiozia, dal 1943, colle mafie. Facilmente liquidate, in parte, nei limiti consentiti dalla monarchia savoiarda-inglesi, da Mussolini, esse rientrano alla grande come miliziani e figure politico-istituzionali al seguito delle truppe dell’Impero Britannico e di quello Statunitense che, intanto, si comprano tutto il resto, prima che la guerra finisca, dall’OVRA alla X MAS a tutto il comprabile. Ciò che non viene comprato, cioè coloro e ciò non comprano o non hanno interesse a comprare, viene passato alla liquidazione dei loro terroristi, i partigiani, i fascisti rossi del PCI, oppure poi liquidato direttamente nei campi di sterminio che gli angloamericani creano sul territorio italiotico occupato.

Mafie, fascisti, PCI: ecco le basi iniziali della nuova dominazione inglese, ed anglo-americana, nell’Italiozia che esce dalla IIGM. Non si fidano del Vaticano e della sua DC, pur da loro dipendenti. Ecco che devono crearsi una pluralità di entità su cui poggiare il loro potere. Sono tattiche elementari di dominazione di aree compradore. A livello istituzionale, vi sono trattati segreti che di fatto danno poteri assoluti alle Polizie Segrete britanniche e statunitensi, ed alle loro propaggini, filiali e milizie parallele sul territorio italico.    
  
Gli stessi Carabinieri italici sono variamente assoggettati alle esigenze britanniche e statunitensi. Essi rispondono alle istituzioni formali italiche solo nella misura in cui queste rispondono agli ordini britannici e statunitensi. I CC, come componente delle FFAA, del Ministero della Difesa, sono parte della rete NATO, con le sue regole, poteri, coperture, dipendenze.

Ed, in Italiozia, i CC sono parte dei vari Servizi, in realtà Disservizi, di cosiddetta Intelligence, in realtà Deficience, sia civile che militare, controllano la PS, hanno proprie Polizie Segrete ai vari livelli, controllano, su mandato del Quirinale (esso stesso strettamente sorvegliato e diretto dall’Ambasciata Britannica), ma anche per esigenze loro e NATO, il CSM, le Procure, il sistema giudiziario, etc., etc.

Prima il terrorismo nero, poi quello rosso, sono sotto gestione sia della DC-PCI che delle Ambasciate Britannica e di quella Statunitense, coi Carabinieri che se ne occupano sul terreno. Lo stesso succede colle mafie.

Gli arresti, le repressioni? Teatrini per altri fini. Beh, sono anche normali tecniche di polizia. Il controllo delle mafie, come dei terrorismi, che avviene sia con metodi diretti [agenti diretti e consci] che con tecniche indirette [l’eterodirezione, campo complesso, pur poi abbastanza rozzo a livello operativo] passa attraverso periodiche purghe, che non sono altro che banali tecniche di controllo, non di repressione del fenomeno. Vi è differenza tra liquidazione di un fenomeno [quello avrebbe voluto fare, tentò di fare in parte, Mussolini anche se alla fine gli fu consentito, dal sistema  sabaudo-britannico, solo di silenziare le mafie, col solo risultato che se le inimicò per sempre solo per averle umiliate] e semplici purghe per tenerlo sotto controllo. Si dà in pasto alla cosiddetta opinione pubblica, ai media e loro destinatari, l’immagine di una repressione del fenomeno mentre lo si sta solo gestendo liquidando singoli personaggi per promuoverne altri.

Nel 1992, ci sono le presidenziali ed Andreotti vede di nuovo una possibilità di accedere al massimo vertice dello Stato italico. Già nel 1978, aveva scatenato l’inferno ordinando il rapimento, demolizione ed assassinio di Aldo Moro e di Enrico Berlinguer. Moro era reo di essere stato designato, con accordo segreto Zaccagnini-Berlinguer, nuovo capo dello Stato per le prossime, prossimissime, presidenziali. Andreotti gestiva il governo di apertura al PCI, mentre era Moro quello che sarebbe divenuto Presidente della Repubblica. Per Andreotti era intollerabile. Vi erano sia personalismi che il banale fatto che chi era già stato sconfitto a livello sia di DC e che di Stato, di apparati burocratici e militari statali, stesse per divenire, per pura manovra politicantica, capo della somma istituzione formale ed, in parte, anche reale. Su Zaccagnini non contava, ma il fatto che Berlinguer, suo compare di P2, avesse preferito Moro a lui, era per Andreotti intollerabile. Avvisato da Gelli e da Cossiga, Berlinguer si era protetto in modo tale che un suo rapimento sarebbe stato impossibile. Moro era stato invece rapito, demolito ed assassinato, con operazione dei carabinieri andreottiani-NATO, per cui il tutto era coperto non solo dal normale segreto di Stato ma pure dai vincoli NATO.

Nel 1992, si ripresentava l’occasione. Andreotti era da molto che ci lavorava. Con operazione di Polizia Segreta CC-NATO aveva creato la Lega Nord. Il senso macro-politico era semplice. Essa demoliva la DC del Nord, della parte vitale produttiva d’Italiozia, ristabilendo la centralità burocratica romana, cioè dell’andreottismo. Per quanto utile per manovrare e partecipare a maggioranze, la forza di Andreotti non era tanto la sua corrente, di dimensioni ridotte e con concentrazione romana e laziale, quanto il potere burocratico e militare che Andreotti si era creato con appoggi vaticani all’inizio, poi anche americano-repubblicani, ed infine con abilità manovriera e militare. Andreotti compiaceva il potere burocratico e militare, tesseva clientele all’interno dello Stato, ed usava il potere che si era creato anche per fini del tutto personali. Lui appoggiava ed esaltava il potere burocratico e militare, la corruzione progressiva ed inarrestabile dello Stato, e poi mobilitava “lo Stato”, le Polizie Segrete Carabinieri-NATO ed il consenso delle burocrazie corrotte compiaceva, per fini personalistici. Non che Andreotti facesse nulla di differente da tutti gli altri. Semplicemente lo faceva con più metodo e spietatezza. Un caso di amoralità assoluta.  Lo diceva lui stesso, tanto ermetico da essere poi di fatto incomprensibile (perfino apparendo simpatico, essendo confuso per un arguto bonario) al minchione medio, che Dio non votava mentre i preti, e pure tutti gli altri con posizioni di potere, e che lui compiaceva, votavano ed agivano. 

La guerra permanente della finanza ‘cattolica’, con Andreotti dalla parte ‘cattolica’, e finanza laica, in pratica Mediobanca-Cuccia, baluardo compradoro inglese con facciata francese, vede sempre la finanza laico-compradora ovviamente prevalente per quanto poi il potere burocratico romano rimanga con la sua forza statica e le sue dimensioni opprimenti. A livello macro-economico, Cuccia-Mediobanca controlla soprattutto gli oligopoli privati del triangolo industriale, mentre il potere burocratico romano, lo Stato DC, ed in parte PCI, oltre alla burocrazia statale e locale, ha il potere economico costituito dall’IRI e più in generale da tutta l’area cosiddetta pubblica. Tra l’altro, la stessa Mediobanca è, formalmente, di area cosiddetta pubblica, per quanto la copertura dell’Impero tuteli sempre Cuccia dal desiderio (e pure da qualche tentativo diretto) burocratico romano, DC, di liquidarlo. Il PCI togliattiano è una creazione bellica britannica, per quanto poi giochi il suo ruolo conservatore e reazionario su vari piani incluso, ovviamente, il burocratico romano. Non a caso, il PCI si intende bene con Andreotti, che pur deve in altra misura avversare su necessità britannica, dato che i britannici non riescono ad avere Andreotti a libro paga.

Andreotti, recentemente, recentemente relativamente alla presidenziali del 1992, sulla questione della UE e della prospettiva di una moneta unica, si schiera in modo netto, e pure militante, dal lato tedesco contro gli inglesi. Gli inglesi gli sono strategicamente contro, per cui non si illude di poterli compiacere ma anzi si illude, del resto è normale ci provi, di procurarsi amici dal lato opposto a quello inglese. È la normale logica del “i nemici dei miei nemici sono miei amici”. O, meglio, è la logica del, da mafioso romanesco e laziale, “se uno ti è irriducibilmente contro, tanto meglio mostrarglielo duro”, seppur lo si dovrebbe avere duro davvero mentre Italiozia è e resta quella che è, e lo stesso andreottismo contribuisce a sfondarla ulteriormente, assieme al PCI di Berlinguer, per compiacere e rafforzare la propria base di consenso e di potere.

I tedeschi, solite nazi-prosopopee a parte, ed una certa forza economica, politicamente sono dei fantocci anglo-americani. Quando Andreotti si troverà infognato, e l’andreottismo continuerà, nella politica e nelle istituzioni italiche, con la faccia di Berlusconi e la forza burocratica di cui Gianni Letta diviene il o uno dei bracci istituzionali, di governo quando quella parte lì è al governo formale, i media tedeschi saranno violentemente anti-andreottiani ed anti-berlusconiani. I lecchinaggi di Andreotti non sono serviti a procuragli amici veri da quel lato lì. La debolezza strutturale, intrinseca, di Italiozia non si supplisce con le furbastrerie alla romanesca. Per cui, lo stesso Andreotti si troverà dagli stessi usato, finché avrà un qualche potere italico, e poi scaricato come è nella logica delle cose. In fondo, i rapporti tra Stati sono rapporti di potere e null’altro. Non esistono amicizie, e neppure inimicizie, personali. Anche il Moderno Principe guarda poi alla sostanza, al suo gretto interesse del momento.      

Quando, il primo giugno 1991, Andreotti si fa fare Senatore a vita da Cossiga, è un’altra mossa in direzione della Presidenza della Repubblica e pure ben di più. Non è una banale protezione dalle incertezze elettorali, dato che le clientele andreottiane, dunque i voti, sono ben solide. Non è neppure un erigersi al di sopra della parti, fuori dalla politica, dato che Andreotti è capo del governo per cui nella politica fin sopra i capelli. Andreotti ha deciso di metter Italiozia a ferro e fuoco, e di disfarsi della sua stessa corrente, pur in modo da non inimicarsi i singoli, da colpire alle spalle e senza che capiscano che è Andreotti il puparo dei sicari.

Solo i sicari, pochi ed omertosi, o chi fa da tramite, cui Andreotti ordina gli assassini, od altre operazioni sporche, potrebbero conoscere pezzi di questa storia. Ma il carabiniere coinvolto in terrorismi di Stato, in genere non lo va poi a raccontare ai media che del resto non pubblicherebbero. Non lo racconta neppure al capo mafioso cui chiede gli assassinii, chi siano i diretti mandanti istituzionali. Questi personaggi, in genere, neppure lo capiscono quello stiano facendo e quello sia loro realmente richiesto. Generalmente si bevono pure qualunque fandonia sia loro raccontata, da una fonte di autorità, per giustificare qualunque lavoro sporco. Viene loro detto: “Abbiamo sicure informazioni che..., per cui ci occorre che...” E loro si bevono qualunque cosa, eventualmente pure la ripeterebbero se richiesti, viene loro detta. Del tipo: “Avevamo sicurissime informazioni che..., per cui dovevano...” Gli umanoidi sono pidocchi elementari che si bevono, in genere, qualunque balla venga loro detta da una fonte di supposta autorità, e che si fanno ragione e vanto dell’essere servi idioti di una ‘autorità’. Che siano sicari ignoranti, o si rinchiudano in abiti od uniformi eleganti e costose, non fa alcuna differenza, da questo punto di vista.    

Della filiale siciliana della sua corrente, Andreotti ordina ai suoi Carabinieri la liquidazione militare, incluso l’assassinio di Salvo Lima già esiliato al Parlamento europeo. Craxi si è accordato con Forlani per Forlani stesso Presidente della Repubblica. Andreotti si sente tradito da Craxi, come nel 1978 lo si era sentito da Berlinguer. Per cui ordina la liquidazione giudiziaria innanzitutto di Craxi, e poi di Forlani e di tutto il centro DC, inclusa la sua stessa corrente che gli è di peso come Presidente della Repubblica, come Andreotti già si vede. Anche gli andasse buca la corsa presidenziale, come poi gli andrà, Andreotti sa che gli inglesi e Mediobanca-Cuccia hanno deciso la liquidazione della Repubblica dei partiti post-bellici, per cui la sua corrente gli sarebbe egualmente inutile, e pure di peso, dato che dovrebbe eventualmente reagire a livello di apparati dello Stato e militari, non a livello di DC di cui ormai si prospetta la distruzione e sparizione.

Col VII Governo Andreotti del 12.04.1991, senza il PRI (scelta strategica, non tattica, di questo partito), il braccio politico-istituzionale romano di Mediobanca, è pubblico, e pure formalizzato con quell’atto di uscita irreversibile dal governo con la DC, che Mediobanca-Confindustria si sono erte come forze anti-sistema, relativamente al sistema politico-istituzionale uscito dalla IIGM, come già avevano dichiarato, per cui ufficializzano a livello istituzionale, di governo formale, che le oligarchie del nord, del cartello di Mediobanca, puntano diritte alla liquidazione del regime esistente, quello uscito dalla IIGM. Se le forze economico-finanziare chiave divengono anti-sistema è perché l’Ambasciata Britannica e gli angloamericani sono sulla stessa linea ed hanno lo stesso programma. O li ha convinti Cuccia o loro hanno dato a Cuccia ordini in questo senso. La cosa è così pasticciata e malfatta che è più probabile li abbia convinti, o fatti convincere, Cuccia, un Cuccia di mentalità mafiosa che vuole vendicarsi della DC ha tentato di rimuoverlo da Mediobanca e che, con l’industria pubblica, gli ha sempre fatto da contropotere. I partiti storici, ed il sistema Costituzionale costruito su di essi, sono comunque condannati.

Lo sfascio dell’industria pubblica, che non è una vera privatizzazione, ma un vero ed autentico sfascio, è voluto e governato da Cuccia, ora di fatto al potere reale in questo campo, ed ha la conseguenza di accelerare drammaticamente lo sfascio di Italiozia. Le burocrazie di Mediobanca non sembrano avere alcuna attitudine dal punto di vista dalla preservazione e sviluppo di un sano sistema industriale ed economico. Al contrario, hanno una sicura propensione predatoria e sfascista.    

Andreotti sa che Mediobanca-Cuccia, e l’Ambasciata Britannica, puntano ad una dittatura quirinalizia, da loro controllata, che commissari governo formale e parlamento, un ritorno al solito trasformismo parlamentare già savoiardo, ora sotto dittatura quirinalizia, che si sbarazzi del potere vaticano e DC, ed, a livello macro-economico e macro-finanziario, dell’industria pubblica. Non possono liquidare il corrotto potere burocratico, né la corruzione delle oligarchie private, e neppure se ne preoccupano. Ma possono rimuovere parte rilevante del potere industriale ed economico della DC-Vaticano, dunque liquidare la stessa DC. 

Lo sa o lo dovrebbe sapere pure Craxi che ha attivato fonti di intelligence parallela che lo informano con precisione di quello che è stato deciso dove si può e che dunque accadrà: la Prima Repubblica sarà liquidata per creare la dittatura del Quirinale. Ma o non ci crede, o non capisce i termini della questione, o si illude che l’inevitabile poi non accada, senza il bisogno di denunciarlo e di contrastarlo. Di solito i delinquenti prosperano nell’omertà, omertà che nessuno rompe chiaramente. Eppure Cossiga, dal Quirinale, lo lancia ai quattro venti, per con linguaggi ermetici e paradossali, che è in atto un attacco eversivo contro l’ordine uscito dalla IIGM. Ovviamente non imputa tale disegno ai padroni di Italiozia, ma si sfoga su comparse locali ed, alla fin fine, secondarie. Craxi preferisce immaginarsi Forlani Presidente e lui capo del governo. Ed Andreotti? Craxi deve pensare che la massima aspirazione di Andreotti sia di ridivenire suo Ministro degli Esteri o che comunque se ne starà passivo ad attendere gli eventi. Craxi non ha capito fino in fondo il Caso Moro, seppur fosse già allora, nel corso degli eventi, al corrente che fu Andreotti a volere Moro morto. Anche allora Craxi aveva rispettato l’omertà di regime e giocato il ruolo del trattativista. Un ometto. Allo stesso modo non capisce ora che l’Andreotti di queste altre presidenziali non se ne starà con le mani in mano ad attendere il corso casuale degli eventi. Anche nel 1978 Zaccagnini e Berlinguer avevano deciso per Moro Presidente, così come ora, nel 1992, Forlani e Craxi hanno deciso per lo stesso Forlani come Presidente. Craxi pensa che Andreotti, pur di nuovo nel pieno delle sue forze, dal punto di vista militare-istituzionale, se ne resterà passivo a guardare. Quando Craxi si trova obiettivamente nel mirino a Milano preferisce credere che sia una fatalità del caso. Appunto, non ha capito e non capisce nulla dei meccanismi del potere. Quando era al governo deve essere stato con la testa altrove e lasciato fare ad altri, chessò a Giuliano Amato. Craxi aiuta pure l’ex-PCI, che è stato organicamente comprato da SIS e CIA, e che si configura chiaramente e pubblicamente, come una delle basi politiche dell’eversione programmata dall’Impero. Invece di muovere allo sfondamento di questo ex-PCI, che ha  cambiato solo il nome, Craxi lo aiuta perché possa essere ben in forze per cooperare a sfondare lui stesso ed il suo PSI. Un illuso.

Andreotti è al corrente di tutto e comprende tutto. Si dice che lui può dirigere le operazioni e divenire lui, non un fantoccio-‘Mediobanca’-‘britannico’, il dittatore del Quirinale. Ovviamente, come sempre, G.Andreotti pensa solo alla propria persona. Non ha alcun disegno oltre la sua persona. È uno che, al potere, ha poi sempre mediato, per sé e per le componenti burocratico-statali gli permettevano di porre la sua persona al centro dei giochi. In fondo, lui è un sarto che vuole essere al centro dei giochi per fare lui il sarto d’Italiozia.

La DC del Nord Andreotti la ha già colpita e messa fuori gioco con la creazione della Lega Nord. Una classica operazione di Polizia Segreta Carabinieri, non di quelle cose che si vanno a sbandierare, per riaffermare la centralità della DC romana, quella burocratica dei ministeri e dell’industria di Stato, escludendo le forze dinamiche della media imprenditorialità privata del Nord. Un classico. Si crea un partito caciarone ed apparentemente anti-sistema che alla fin fine congela componenti sociali potenzialmente modernizzatrici del sistema. Da dentro la DC, con la creazione della LN queste componenti sono portate fuori dal partito-Stato e lasciate eiaculare nel nulla. Sembra sia nato un grande partito rivoluzionario. È in realtà solo stata realizzata un’operazione di conservazione ed oscurantista. Rimuovi rappresentanza sociale da dove poteva influire e la sbatti, la congeli, dove non conta nulla. 

Ora che Mediobanca-Cuccia-Confindustria gli hanno dichiarato la guerra totale, per il superamento del sistema del partiti storici, in realtà della DC-Vaticano, visto che il PCI, e come si chiama dopo il superamento dell’URSS, è già un partito inglese ed angloamericano, di Cuccia e di Confindustria, pur con copertura ‘comunista’, la risposta, la risposta di guerra, di Andreotti è che al Quirinale va lui, mentre distrugge il sistema partitico-parlamentare. Si dice, e crede, che da lì può mediare da posizioni di forza, di forza istituzionale-burocratica, dunque anche militare, con Mediobanca, Confindustria e gli inglesi. Che è poi quello Andreotti ha sempre fatto. Non è persona da disegni modernizzatori né da assalti frontali. Magari fa poi quello avrebbero fatto gli altri, ma vuole essere lui a farlo. 

Andreotti è un popolano di origini ciociare, del comune di Segni, pur lui nato e cresciuto a Roma, non in povertà ma neppure in grandi agiatezze, per cui attratto da chi possa dare sicurezze (per cui non se lo fa dire due volte quando il Vaticano, e chi per esso, gli prospetta una carriera politico-istituzionale al suo servizio), che pensa solo ai propri interessi personali, ed a quelli delle burocrazie e poteri militari-carabinieri solo perché il suo potere personale si fonda su di esse ed essi, nel compiacerle, non perché lui, Andreotti, abbia una qualche visione d’alcun genere. Ha pure conosciuto da vicino il Vaticano, di cui inizialmente è espressione, ed ha subito compreso che non è che una burocrazia come tutte le altre, e che aveva bisogno di persone come lui per i giochi del dopo IIGM. L’unica ‘visione’ di Andreotti è che se confezioni l’abito per un gobbo lo devi fare colla gobba. Inutile tentare l’impossibile. I gobbi non  si raddrizzano. I vestiti devono seguire le loro forme, senza illusioni. Il gobbo è Italiozia. Lui, non differentemente dagli altri, che magari capiscono meno, e meno cinicamente-realisticamente di lui, è il sarto che non si illude di potersi trasformare in terapeuta. Lui è il sarto che profitta dal fare il sarto. Non si sogna né immagina differente, quello che non potrebbe mai essere. Un sarto deve saper stare al proprio posto, confezionare abiti basandosi sul cliente del momento, lì la sua Italiozia data, non una immaginaria. Se hai anche solo le spalle appena asimmetriche, il sarto non te lo dice ché potresti offenderti. Tanto meno se sei proprio del tutto deforme. Ti aggiusta il vestito perché tutto sembri perfetto, perfetto nel contesto dato ovviamente. Se poi tu cambi, o tieni il vestito così com’è o, alla prossima occasione, te lo riaggiusta ai cambi sopravvenuti. Se poi è un sarto che abbia pure un qualche interesse personale a conservarti nelle condizioni peggiori... Le metafore sono sempre meno variegate della realtà, soprattutto in campi come questi.

Andreotti è quello che sfascia ulteriormente ed allegramente lo Stato coi Berlinguer, devastando ulteriormente le strutture burocratiche, facendo sparire le capitalizzazioni previdenziali, imboccando la via che porta alla distruzione progressiva di qualunque base produttiva, sia materiale che immateriale. Una ruberia generalizzata per le oligarchie burocratiche, che se ne arricchiscono a dismisura, e per quelle private di Mediobanca-Cuccia ché pure esse vanno tenute buone con fiumi di soldi, soldi di chi lavora. Non a caso il PCI più forte dell’occidente supposto sviluppato spadroneggia sui proletari più sottopagati e disgraziati dell’occidente che si dice sviluppato. Del resto, il PCI viene creato per continuare e peggiorare la militarizzazione già monarco-fascista del proletariato e, su questa base sociale, parte delle base sociale del PCI (che si estende anche a settori borghesi, grandi- e piccolo-borghesi, e burocratici), partito di Londra, fare da contro-potere al Vaticano-DC che, ovviamente, a loro volta, se lo comprano per quel che possono. Per cui, il PCI sarà il partito fondato e controllato da Londra ma controllato pure dal Vaticano-DC da cui dipende, in varia misura. Ovviamente, di tutto questo non se ne deve sapere nulla, non se ne può parlare, per cui vigono l’omertà e la censura più totali. Il Vaticano-DC potrebbe, in teoria, anche rendergli la vita difficile. Anzi, non potrebbe, perché il PCI ha appunto copertura inglese ed angloamericana. Ma, pur sempre, in tutte le convenzioni e dinamiche reali esistono dei margini. Lo stesso PCF, altra creazione britannica, è differente ed ha un ruolo differente dal PCI perché il gollismo, a cui è stato imposto dagli inglesi, lo argina maggiormente di quanto la DC argini il PCI. Similitudini ma pure differenze. Anche per la Francia gli inglesi, gelosi del loro PCF per fare da contropotere al gollismo, escludono una socialdemocrazia alla tedesca. Eppure, alla fine, un socialismo alla francese riemergerà, col PCF come appendice non come protagonista. Mentre, in Italiozia, il PSI resta condannato a fare il cespuglio DC e PCI. Anche quando l’ex-PCI aderisce, come copertura, all’Internazionale Socialista, resta un ex-PCI, mentre PSI e PDSI sono stati liquidati per via militar-giudiziaria. Non che ci sia nulla di mitico nelle socialdemocrazie alla tedesca, quella dei Gustav Noske dei Freikorps e degli Helmut Schmidt da Stammheim. Ma non è tanto questo. Gli Squadroni della Morte sono di uso universale, un po’ dappertutto. La socialdemocrazia tedesca è organica allo Stato ed al militarismo tedeschi. È da essi creata. Mentre il PCI, come il PCF, sono creazioni inglesi per avere contropoteri, dunque propri poteri compradori anche a livello politico. Il vecchio PSI, quello che concettualmente, o come organizzazione, più che come nome, infatti la sua lunga storia di scissioni e fusioni lo vede mutevole come denominazione, ricompare a livello istituzionale col post-IIGM, è un partito che, pur con influenze francesi e tedesche, nasce dallo Stato italo-monarchico, dunque ad esso organico, organico alle sue polizie e militarismi, per quanto la sbagasciata Italiozia Savoiarda non abbia la capacità prussiano-tedesca di avere una socialdemocrazia del tutto organica, per cui il socialismo italico è sbagasciato come lo Stato nel quale nasce ed opera. Questo socialismo italico, dopo la IIGM, non può più esistere perché gli inglesi hanno bisogno di un partito a loro organico, organico come loro forza di ricatto sfascista nella loro Italiozia post-bellica, del loro PCI fatto creare nel 1944 da Togliatti fattosi inviare dall’URSS. Una classica operazioni di Polizia Segreta, delle Operazioni Speciali dell’Intelligence Service britannico che, del resto, coll’URSS, ma pure con Togliatti, erano già in traffici, nel caso di Togliatti-PCd’I, con Sraffa, agente britannico, e pure in altri modi. L’assassinio-avvelenamento-defenestrazione di A.Gramsci, un pasticcione infarcito di luoghi comuni ed un illuso, eppur pericoloso [o tale ritenuto dalle loro paranoie da delinquenti pazzoidi] per Togliatti-URSS, è un’operazione sovietica con assistenza inglese, visto che di Sraffa, il finocchietto di Keynes, non si può neppure immaginare che lavorasse in proprio, né che facesse l’agente sovietico-URSS-PCd’I, sul territorio inglese e dal territorio inglese, senza essere organico alle Operazioni Speciali britanniche, quale in effetti era. Gli inglesi, a differenza degli statunitensi, queste cose non le disvelano neppure secoli dopo. 

Non che gli altri politici, Craxi incluso, fossero differenti da G.Andreotti. Sono tutti bravi ad inventarsi od a farsi inventare visioni da comizio. Poi si siedono sull’esistente e governano le routine quotidiane della corruzione burocratica e delle oligarchie predatorie private, entrambe in espansione. Cosa diceva Craxi dopo le sue chiacchiere da comizio con supposte visioni modernizzatrici: rompessi colla DC e colle sue logiche clientelari, perderei ogni forma di finanziamento e di consenso, ed il partito stesso cui conviene fare da cespuglio alla DC, dunque stare nei governi e spartirsi clientele e posti. Avessero continuare a fare i cespugli del PCI, sarebbero stati ancora più poveri e disastrati. Si è vista la fine del PSIUP, quello che rompe col PSI di governo. Fosse restato cespuglio PCI, lo spazio del PSI, per quel poco che poteva avere e che gli facevano avere, sarebbe stato coperto dal PSDI che nasce appunto come risposta del socialismo tradizionale ad un PSI cespuglio PCI-URSS [l’URSS come immagine di marketing visto che il PCI lo vogliono gli inglesi per quello detto in precedenza]. L’esclusione Alleata di una una socialdemocrazia, in Italiozia come in Francia (ma lì gli inglesi non riescono a controllare sufficientemente le dinamiche politico-formali), per preservare i loro PC, in Italiozia vale ovviamente sia contro il PSI che contro il PSDI. Del PSDI vien costruita l’immagine di un partito fascistoide e clientelare. Del PSI quella di un retaggio, di incerto futuro, del passato che si trascina come cespuglio sia PCI che DC. Il PCI, una carcassa corrotta e fatiscente in cui confluiscono i fascisti più sanguinari e voltagabbana, viene descritto dalla propaganda inglese come il partito del futuro radioso per il momento ostacolato dalle forze reazionarie e dal contesto internazionale. I soldi ed il potere che di fatto il PCI ha fanno il resto. Soldi e potere fanno divenire profumati pure gli escrementi.

Se il PSI ha dei sussulti e delle illusioni, il PSDI si adatta subito a cespuglietto DC che vivacchia sempre più schiacciato dall’asfittico ordine politico di Italiozia. Col PSI sganciatosi dall’area PCI-sovietica, il PSDI non avrebbe un vero spazio. Lo spazio viene creato e mantenuto colle clientele, perché la stessa DC ha bisogno di avere cespuglietti che le impediscano di fare altro che vivacchiare essa stessa.  

Tra l’altro, non  si capisce che vere visioni modernizzatrici potesse avere un Craxi che si trastullava col mito di Garibaldi, il fantoccio di Mazzini per il terrorismo britannico di cui Mazzini era uno degli agenti e boss. Appunto, Craxi si barcamenava dando al massimo qualche copertura, con mazzette più ridotte di quelle pretese dalla DC e dal PCI, a qualche imprenditore emergente. Un’azione di nicchia, nel contesto dato, per un partito restato partito di nicchia, un marchio di marketing per chi non fosse attratto da quelli maggiori, né da quelli minori, eppur bisognoso o desideroso di un referente, visto che, senza protettori, in Italiozia non si poteva e non si può fare impresa privata né progredire negli apparati burocratici ‘pubblici’. 

Crisi ed avvisaglie di implosioni, anziché stimolare modernizzazioni, obbligano solo ad adattarsi ancora di più alla via dello sfascio inarrestabile. Qualcuno tentasse mai misure modernizzatrici verrebbe subito fatto fuori. È quello che in effetti accade. Il blocco dello sfascio è troppo forte ed irresistibile, fino all’implosione dove comunque i corrotti e profittatori conserveranno i loro titoli di proprietà ed i loro conti in euro. Per cui, alla fine, pagheranno gli altri, i fessi che non hanno nulla.

La Procura Generale di Milano la controlla infine (non senza la tradizionale influenza inglese, ben visibile nei vari interventi giudiziari su questioni finanziarie di interesse britannico, come il caso dell’Ambrosiano), Andreotti colle sue Polizie Segrete Carabinieri che hanno piazzato e mobilitato Antonio Di Pietro (uno sbirro abile, maneggione e corrotto) come magistrato centrale dell’assalto al sistema partitico che inizia colpendo Craxi, l’immediato e diretto nemico di Andreotti, dell’Andreotti che vuole il Quirinale.

Il sistema dell’azione penale obbligatoria induce a, e permette di, raccogliere materiali contro tutto e tutti. Siccome l’azione penale obbligatoria è di fatto impossibile, data la mole dei reati, per cui solo una piccolissima percentuale può essere anche solo formalmente perseguita, alla fine l’azione penale obbligatoria permette di fare quello chi controlli le Procure ed annessi voglia. Le Procure sono sotto il controllo delle Polizie Segrete Carabinieri ed altre. Il procuratore ed annessi possono lasciare la pratica di una certa ipotesi di reato negli scaffali, oppure a dormire sulle scrivanie, oppure passare ad atti investigativi e restrittivi. Alla fine, conta chi chieda al procuratore, ed ottenga, di fare o non fare. Se un procuratore non obbedisce al sistema di potere e dei poteri, il CSM è sotto il controllo dittatoriale del Presidente della Repubblica, cioè del Quirinale, che può anche rapidamente rimuovere qualunque magistrato non stia al gioco. Pur all’interno di meccanismi e farraginosità burocratiche, anche di garanzie di inamovibilità [ma non spaziale], se chi può vuole un magistrato può trovarsi rapidamente spostato in luoghi sperduti, o trovarsi di fronte ad una scrivania vuota e senza nulla da fare. Non è neppure difficile trovarsi ammazzati. Si trova sempre lo zelante, per qualunque persecuzione si voglia mettere in piedi sotto la copertura di prosecuzioni, anche senza prove, anche del tutto senza indizi. Basta scriverle le cose, e sembrano vere. Chi è accusato, sputtanato, mobbizzato e demolito, non ha neppure necessariamente bisogno di arrivare in tribunale ed a condanne. Quando invece prove ed indizi, od almeno possibili associazioni anche solo retoriche ad indizi, vi siano diviene tutto più facile. Craxi e Forlani, pure altri, qualcuno li voleva perseguiti e pesantemente condannati. Altri bastava liquidarli dai giochi politici ed istituzionali. I giochi iniziano con G.Andreotti che giudica Craxi e Forlani traditori della sua persona. Chi fa le scarpe ad Andreotti ha evidentemente l’interesse ad andare avanti coll’operazione. Un procuratore, sia Di Pietro od altro, viene imbeccato, indirizzato, attivato o disattivato, a seconda di chi si voglia rovinare e di chi si voglia invece proteggere e promuovere. È la stessa logica “di polizia”, in Italiozia militar-giudiziaria, visto che la Forza Amata dei Carabinieri ha la supervisione dei giochi e la priorità negli stessi, che si segue con mafie e terrorismi. Le piccole e Grandi Purghe non sono differenti. Non le inventano i sovietici. Sono meccanismi universali. Se Di Pietro viene lanciato innanzitutto, ma non solo, contro Craxi, solo un idiota, od uno pagato per esserlo, può pensare e/o raccontare che ciò dipenda da reati, o dal caso. I reati, e la documentazione su di essi, vi erano e vi sono su tutto il sistema partitico, politico, istituzionale, burocratico, così come economico-finanziario. Nelle piccole e Grandi Purghe, in ogni prosecuzione, soprattutto in regime di azione penale obbligatoria, non conta il reato ma chi sia l’obiettivo, il bersaglio. Si rovina chi si voglia mettere nel mirino, che significa che si rovinano coloro che chi può ordini di mettere nel mirino. Nel governo delle procure e degli uffici giudiziari, esistono meccanismi burocratici che coinvolgono sia il CSM-Quirinale che il governo. Di fatto, fino alla strage-colpo di Stato di Capaci, esiste un dualismo tra CSM-Quirinale e governo formale. Il ruolo del governo formale variava ovviamente a seconda di chi fosse realmente al governo, se fosse un Andreotti col suo potere anche carabiniero-militare, od altro ed altri che questo potere non lo avessero avuto o lo avessero avuto solo in misura nettamente inferiore. Con la strage-colpo di Stato di Capaci, il controllo assoluto della magistratura passa al CSM-Quirinale, dato che il CSM è sotto il controllo dittatoriale [io scrivo sempre “se ne leggano i regolamenti”, sperando che siano sempre online dove li trovai quando li lessi, dato che tutti o molti sembrano parlare di queste cose senza sapere di che parlino] del Presidente della Repubblica. Con Capaci, il governo, come del resto il parlamento, diviene appendice del Quirinale che ne fa quel che crede. Non solo il governo, pure il Parlamento passa sotto il controllo del Quirinale che vigila ed interviene in modo di solito occulto. Se qualche Prodi né è insofferenze, si trova poi sbalzato rapidamente di sella. Ancor più rapidamente succede agli altri. Quando Berlusconi mette a lungo la sua faccia come Presidente del Consiglio dei Ministri del governo formale è perché G.Letta sculetta solerte agli ordini del Quirinale mentre Berlusconi obbedisce al suo capo G.Letta, il braccio istituzionale del blocco andreottiano, di cui S.Berlusconi è solo faccia di marketing, collettore di voti, e gestore dei fantocci raccolti e promossi come parlamentari e nel governo formale. Chiunque sia al governo formale ed in parlamento, il governo reale resta il Quirinale. Il punto è che è una entità sfascista ed oscurantista, non un centro sviluppista.   

Mentre G.Andreotti tenta il suo colpo di Stato per conquistare il Quirinale, l’Ambasciata Britannica e Mediobanca-Cuccia, terroristi e mafiosi sperimentati, non stanno a guardare, per quanto una Presidenza della Repubblica di Andreotti non sarebbe stata alla fin fine drammatica per l’Impero, dato che gli inglesi avevano tutti i mezzi per tenerlo sotto controllo. Tuttavia lo temevano, dato che avrebbe ristretto, o così credevano, la loro libertà di azione. Un colpo chiave contro Andreotti, ma lui resta convinto di essere militarmente più forte [sopravvaluta le sue Polizie Segrete Carabinieri-NATO, cui lui dà ordini frammentati per cui non sono al corrente dei suoi piani, dunque senza alcuna capacità di iniziativa e di reazione tempestive, se non su ordini specifici, relativi a singoli episodi, del boss], sono le dimissioni di Cossiga come Presidente delle Repubblica ad elezioni presidenziali che devono ancora iniziare. Per quanto non è detto che Cossiga fosse grande amico di Andreotti, non lo era per nulla del blocco voleva far fuori lo stesso, per cui Cossiga non avrebbe potuto essere usato come copertura per azioni terroristiche come quella poi realizzata a Capaci.

Perché qualifico come “colpo di Stato” il lavorio di G.Andreotti per le presidenziali del 1992? Far mancare i voti a Forlani non è certo un colpo di Stato. Non lo è neppure chiedere i voti del PSI a Martelli. Non a caso, Andreotti non li chiede a Craxi dato che a lui non può neppure far trasparire che il suo sfondamento in atto dipende da lui stesso, lui stesso G.Andreotti, mentre a Martelli magari qualche lontana allusione e vaga promessa di favorirlo come futuro capo del PSI può farle, pur nella falsità ed omertà andreottiane. Ma andare allo sfondamento giudiziario diretto di Craxi, e pure con allusioni dirette a tutto il quadro politico (ad elezioni presidenziali in corso, le Polizie Segrete CC andreottiane danno nomi di politici ‘sospetti’ ai media, che i media pubblicano), preannuncio di uno sfondamento, da parte di G.Andreotti, del tradizionale sistema partitico, per determinare le elezioni Presidenziali dove in gioco non è solo il Quirinale ma una rettifica netta della Costituzione materiale che si vuole ora centrata sul Quirinale anziché sul dualismo ‘partitocratico’  tra Quirinale e governo, ecco questo è un colpo di Stato in atto.

Certo è stato ben più visibile ad opera completata e continuata, visto con dimensione storica, che nell’imminenza dei fatti, con molti degli stessi politici, abituati alle manovrette ed alle leggende sulle “forze oscure”, che si vedevano le cose in TV e sui giornali e non capivano cosa stessa accadendo. Beh, Andreotti aveva usato la sua corrente per bloccare una Presidenza-Forlani. Una Procura e Polizie Segrete Carabinieri controllate da Andreotti stavano colpendo direttamente Craxi, che aveva tentato goffamente di svincolarsi dicendo che il suo uomo era un ladruncolo che lui, verginello, non sapeva fosse tale, dunque che agiva per sé e non anche per il PSI dunque per lo stesso Craxi. Ma dalla Procura di Milano, o da chi la controllava a livello di Polizie Segrete, dunque di illazioni passate ai giornali, uscivano notizie per i media, minacce, sul finanziamenti illegale di un po’ tutti i partiti. Ovviamente, di tutti questi eventi vi era la parte a tutti visibile. E vi era la parte non visibile e neppure intuita da gran parte del personale politico, degli elettori, nel Parlamento allargato, del futuro Presidente. Non che sia meno colpo di Stato perché non vi siano le scenette militariste di generali che vadano nelle sedi dei poteri formali e li dichiarino decaduti avendo loro la forza delle armi. I colpi di Stato nell’area cosiddetta sviluppata hanno caratteristiche formali differenti dalle sceneggiate latinoamericane. È un tentato colpo di Stato quello di G.Andreotti come lo è quello, non solo tentato, ma compiuto, realizzato dall’Ambasciata Britannica che instaura la dittatura quirinalizia sotto il controllo inglese-Mediobanca.

Il meccanismo di propaganda-inganno-lavaggio/insozzo dei cervelli è semplice. Citiamo solo alcuni elementi, sul punto qui trattato.
[a] Basta non dire che Antonio di Pietro è da tempo agente delle Polizie Segrete Carabinieri-NATO andreottiane, e pure un individuo maneggione e corrotto, bensì presentarlo come il vendicatore virgineo magicamente sceso dai cieli. Avremo voluto scrivere che ‘ovviamente’ è pure pure un  maneggione e corrotto. Ma sarebbe sembrata una deduzione logica anziché qualcosa di fattualmente comprovato e pure con la riprova che la corruzione di Di Pietro, pur dimostrata, è stata dichiarata giudizialmente non perseguibile, dunque non reato per lui, confermando, anche con ciò, l’essere lui coperto da Polizie Segrete CC-NATO e dal Quirinale. Persino la sua laurea, chissà come ottenuta, dopo essere lui divenuto agente di Polizie Segrete Carabinieri quando lavorava nell’industria bellica, è divenuta un segreto di Stato! Pubblicità e trasparenze valgono solo per il suddito medio.
[b] Basta che non si sappia, e poi presentarlo come nota umoristica, di colore, quando lo si sa, che Cossiga, da Presidente della Repubblica e Presidente del CSM, telefonava ogni mattina ad Antonio di Pietro “il procuratore indipendente”, e magicamente sceso dai cieli novello ed immacolato angelo vendicatore, per farsi dire come procedesse l’azione per rovinare Bettino Craxi. Della serie: “Caro Tonino, il Presidente della Repubblica e del CSM ti sollecita personalmente e direttamente ad andare spedito e con urgenza alla liquidazione giudiziaria di Bettino Craxi”. Non bastava il supporto, anzi il ruolo dirigente, di Polizie Segrete CC-NATO ed annesse che sono poi quelle producono, e non ci fossero li inventano, i materiali per uso giudiziario. Si immagini che ‘normalità’ istituzionale e ‘democratica’ potessero avere queste telefonate mattutine di un Presidente ad un sostituto procuratore ed agente di Polizia Segreta CC incaricato di una missione speciale! Il che la dice lunga sul modo del tutto personalistico in cui funzionino le istituzioni reali. Tra l’altro. Cossiga era in guerra, ma solo di parole, contro il gruppo Repubblica-Espresso, alias la punta di lancia di Mediobanca-inglesi e della loro sovversione Costituzionale. Lo stesso Cossiga ostentava amicizia con Craxi e lo andrà a trovare, da amico, che amico!, fino a poco prima la morte in esilio, espatriato per sfuggire al carcere. Sì, Cossiga era uno fatto così! Pur con Mediobanca-Confindustria-inglesi, coi loro bracci politici Repubblica-Espresso ed i sinistri, che avevano condannato a morte la Prima Repubblica e non certo per vedere Andreotti al Quirinale, ecco che Andreotti aveva lanciato suoi apparati di Polizia Segreta Carabinieri e giudiziari non contro questi centri eversivi ma contro Craxi, mentre Cossiga, da Presidente della Repubblica e del CSM, interveniva personalmente e quotidianamente su Antonio di Pietro, che si occupava di queste indagini del tutto partigiane e focalizzate, per incoraggiarlo. Ed il tutto cadenzato sulle elezioni presidenziali che si approssimano e poi in corso. Ecco, le istituzioni reali funzionano a questo modo! Quelle immaginarie Ve le raccontano invece i Costituzionalisti che non Vi dicono che la Costituzione più sbagasciata del mondo è stata fatta all’Ambasciata Britannica a Roma, e che non è solo questione di Costituzione ma di istituzioni e burocrazie statali e ‘pubbliche’ geneticamente corrotte da tutti i punti di vista. 
[c] Basta non far sapere o non enfatizzare per le larghe masse che Giulio Catelani, il Procuratore Generale di Milano, quello che può concretamente bloccare, ma pure non bloccare, indagini, dunque che ha di fatto poteri decisivi di direzione politica di tutto il lavoro di prosecuzione a Milano, è un andreottiano di ferro e che, non stranamente seppur non di quotidiana prassi di Andreotti, lo stesso Giulio Andreotti, Presidente del Consiglio, cioè capo del governo (del VII governo Andreotti, quello ormai senza il PRI, dunque dell’Andreotti in guerra pure da quel lato, lì, il lato Mediobanca-Confindustria-inglesi), fosse presente al suo insediamento, nel giugno 1991. Ah, il candidato di Craxi, Craxi che si arrabbiò della nomina andreottiana, temendo potesse essere ai propri danni, era Giulio Borrelli! Andreotti banalizza la cosa dicendo che Catelani lo aveva invitato e lui era dunque andato. Se lo ha invitato è perché la nomina era stata oggetto di valutazione politica e CC-militare, e chiaramente ad Andreotti interessava. Inoltre, se lo ha invitato è perché si saranno incontrati. Un dirigente pubblico che ottenga un posto per normali meccanismi burocratici, supposto ciò possa mai succedere, in genere non invita il capo del governo all’insediamento. In genere, neppure il lottizzato invita il padrino, magari affaccendato in altre cose. Lì, invece... Ovviamente gli agit-prop prezzolati per diffondere stupidaggini sulla “magistratura indipendente” si vieteranno persino di saperle loro stessi queste cose, sì da poter inventare in libertà. Secondo le leggi paranoico-mafiose delle burocrazie e della politica, se inviti uno alla tua nomina e quello si presenta, poi non lo metti né lo lasci mettere sotto accusa, salvo che proprio costretto da poteri superiori, perché, se lo metti sotto accusa per crimini politico-correnti, il fatto di inquisirlo ed incriminarlo, dopo che ti ha fatto anche pubblicamente da padrino, ti ‘delegittima’, come dicono e si dicono coi linguaggi paranoici e mafiosi di burocrazie e politica. Andreotti mette le mani sulla procura di Milano, apre i giochi contro Craxi per distruggerlo, e li fa cadenzare sulle presidenziali 1992. Ha l’appoggio di Cossiga, Presidente delle Repubblica e del CSM anche se poi questo si sottrae dall’appoggio, o dal non ostacolo, ad Andreotti, durante le elezioni da parte del Parlamento allargato, con le dimissioni da Presidente, che aprono la via al terrorismo inglese-Mediobanca che usa Spadolini al Quirinale, ed altri che tuttavia senza Spadolini al Quirinale non avrebbero avuto la massima copertura istituzionale e quindi di problematico uso senza il Quirinale lasciato libero, per un uomo Mediobanca-inglesi, da Cossiga che se ne va senza aspettare i risultati delle elezioni presidenziali, anzi prima che il Parlamento allargato inizi le votazioni. 
[d] Basta che al lobotomizzato medio siano stati creati riflessi condizionati sì che si beva tutte queste balle: gli angeli vendicatori scesi dal cielo, la mafia, i reati su quelli ma non sugli altri, il caso di averli trovati e proprio su quelli e non su altri, quando caso proprio non v’è. A volte, tecnicamente, non v’è neppure il reato ma il reato è una cosa che, il Moderno Principe, si fabbrica quando occorra. Mentre il lobotomizzato medio non vede né cerca di vedere quello che v’è veramente, oppure neppure cerchi a priori di non credere a nulla tanto sono solo insozzi del cervello, propaganda, e pure estremamente rozza, proprio per deficienti.

Il 28 aprile 1992, Cossiga se ne va, chiaramente obbligato a dimettersi da forze superiori, dai padroni imperiali di Italiozia. Sennò, Cossiga avrebbe tranquillamente aspettato l’elezione del nuovo Presidente. Non è che fosse pressato da affari personali o da chissà cosa, a parte l’Ambasciata inglese che aveva bisogno di Spadolini, e non Cossiga, al massimo vertice, in quel momento. Evidentemente sanno delle intenzioni di Andreotti. Forse non si preoccupano possano passare altri, ma proprio non vogliono ritrovarsi Andreotti presidente.

Le elezioni presidenziali iniziano il 13 maggio 1992 e si concludono il 25 con l’elezione, da parte del Parlamento allargato, di Oscar Luigi Scalfaro, un DC senza una sua forza propria, né una vera base di consenso di una qualche rilevanza, dunque facilmente condizionabile dall’Ambasciata Britannica e da Mediobanca-Cuccia. L’elezione di Scalfaro, con larghissima maggioranza, è una di quelle soluzioni per esclusione. Una valanga di veti incrociati si riversa su altri papabili, Spadolini incluso, fino a che non si arriva a lui e, verificato che sarà un cagnolino obbediente, e circondato da cagnolini obbedienti [il Segretario Generale del Quirinale è uno dei personaggi chiave, da questo punto di vista - non a caso Gaetano Gifuni, arrivato in quella posizione con Scalfaro, resterà al Quirinale per 14 anni, dunque anche con Carlo Azeglio Ciampi], anche l’Ambasciata Britannica dà il nulla osta. In quei casi, si chiama il papabile e gli si chiede se sarà poi a disposizione. Non si pensi che i candidati veri e gli eletti saltino fuori per caso, o per logiche visibili. Un Andreotti non si sarebbe magari preoccupato del nulla osta britannico e lo aveva già dagli USA.

Con Oscar Luigi Scalfaro, che, come Presidente della Repubblica, è pure Presidente del CSM (con poteri dittatoriali - si vedano i regolamenti del CSM), la macchina in corsa della Grande Purga contro tutto il sistema partitico, avviata da Andreotti tramite le sue Polizie Segrete Carabinieri-NATO ed altre, passa sotto il controllo politico-militare dell’Ambasciata Britannica e di Mediobanca-Cuccia. Loro forniscono le liste di chi debba essere rovinato, e come, e di chi debba essere protetto e promosso. Certo, Andreotti, pur perdente, conserva, come si vedrà, qualche forza militare, sennò, per lui, le cose sarebbero andate ben peggio. Poteva tranquillamente finire come Craxi e Forlani, o decisamente peggio visto processi gli montano, non avesse avuto il controllo di frazioni delle Polizie Segrete Carabinieri ed altre. Non è certo Scalfaro che lo ha salvato. Neppure la balla che lui di soldi illegali non ne sapesse nulla né ne prendesse. Ad ogni modo, nelle Grandi Purghe, non contano colpe od innocente. Conta solo essere o non essere obiettivi, bersagli. Lui lo sarà per altro, ma lo lasciano fuori, dunque riesce a farsi lasciare fuori, delle storie poi vendute alle masse minchione come “la corruzione”. Evidentemente, su quel fronte lì, il suo potere di devastazione e ricatto sarebbe stato irresistibile. Per cui, lo evitano. A Roma, gli andreottiani riescono pure a far arrestare CDB, seppur per poche ore.

Mediobanca-Cuccia sono l’area di consenso sociale primaria del nuovo regime della dittatura quirinalizia, le “forze produttive fondamentali” per la propaganda, in realtà le oligarchie predatorie che vivono di soldi statali e di altre predazioni di soldi e capitali ‘pubblici’, gli sfascia aziende come è facile vedere dal progressivo epilogo delle aziende ed industrie fondamentali d’Italiozia. L’Ambasciata Britannica si occupa degli aspetti militari ovviamente con interfacce [CDB è una di esse, per comprare politici e burocrati] per comparire il meno possibile, secondo tipiche tecniche del lavoro di Polizia Segreta e del Terrorismo di Stato soprattutto britannico. Per quanto le di-fatto-censure ed -autocensure dei media rendano certi argomenti del tutto tabù e dunque essi non arrivino al popolino ed, in genere, neppure ai cosiddetti o supposti ‘specialisti’, che sono poi tutta gentaglia stravagante e prezzolata.

Il significato di Cossiga che lascia il Quirinale è semplice. Basta vedere chi lo sostituisca, seppure temporaneamente. Ma per i giochi militari delle elezioni presidenziali basta il controllo istituzionale-militare, per quello che è possibile, durante le elezioni stesse.

Andreotti, come Presidente del Consiglio dei Ministri, cioè capo del governo, ha il controllo degli apparati militari che dipendono istituzionalmente da lui e di quelli che di fatto controlla. Ha dunque il controllo delle sue Polizie Segrete Carabinieri-NATO, una delle sue basi di forte consenso reale. Vincenzo Scotti, il Ministro dell’Interno del momento, è stato comprato da CBD, dunque dall’area Mediobanca-inglesi. Evidentemente o probabilmente, io direi ‘sicuramente’ [sebbene sia metodologicamente sempre meglio non essere mai assolutamente sicuri di nulla, soprattutto in queste cose], solo l’Interno non basta per scavalcare le Polizie Segrete di Andreotti in Sicilia, per esempio, ed altrove. CDB si sarà comprato pure qualche capo della PS, ma senza coperture istituzionali ed estere quelli non si mettono contro i CC andreottiani. 

Al Ministero della Difesa, nella misura in cui può contare, od aver contato nel caso specifico, sebbene formalmente i Carabinieri dipendano pure da esso, v’è un Virginio Rognoni non di area andreottiana. Anzi è di quelli a disposizione del blocco di potere contro. Per cui, nel caso, può dare coperture o non scoperture, per quello dipende da lui e da quello controlla nel e dal suo Ministero. I Carabinieri sono una struttura complessa che sfugge ad un rigido e formale controllo politico. Rispondono a troppi. Inoltre, sono un corpo unico solo nella propaganda. Alla fine conta chi controlli i singoli alti ufficiali, i vari uffici, ed abbia le coperture NATO. Andreotti si è mosso bene a quel livello. Per quanto poi l’idiozia-ottusità burocratica, qui burocratico-carabiniera, non permetta ai suoi carabinieri di ‘intercettare’ e bloccare Capaci. 

Ai complottisti che credono alle fantasiose balle ufficiali di eroi scesi dai cieli basti guardare la situazione che si crea a Palermo, Palermo città, dopo Capaci. Vi è un pubblico antagonismo tra gli Squadroni della Morte della PS [quelli col machete! ...che agitano pure in pubblico!] e quelli dei Carabinieri, con qualche prevalenza, a Palermo, di quelli della PS dato che la Procura ha avuto l’ordine dal Quirinale di diffidare dei Carabinieri e di poggiarsi innanzitutto sulla PS. Il potere carabiniero in Sicilia non ne appare intaccato eppure a Palermo s’è creata quella situazione pubblica e che deriva da scelte istituzionali, e da eventi ‘storici’, visto che Capaci entra nella storia, anche se quella segreta di Disservizi, che si scontrano, i qualche modo. A Capaci i carabinieri di Andreotti sono stati fatti fessi anche se con l’arresto Riina, gli stessi danno invece una botta alla PS-Quirinale.  

La forza militare serve per colpire Andreotti, o personalmente o nel suo potere militare. O non è possibile liquidarlo personalmente o l’ipotesi non viene esaminata. Questo non si può sapere né dedurre. Al blocco di interesse Ambasciata Britannica e Mediobanca-NATO, con l’allegoria annessa del Britannia, interessa la liquidazione di Andreotti come blocco di potere, per quello che è possibile, ed ancora di più di intaccarne il potere decisionale sulle politiche, sulle policies. È importante, anche essenziale, la persona di Giulio Andreotti ma tutta la faccenda è ovviamente più vasta.

Il Britannia, allegoria o meno, è un’operazione sporca, una mega-predazione, con connessi effetti politico-istituzionali, ben reale. Sarà, come si può facilmente verificare, un’operazione macro-politica, macro-istituzionale e macro-economica - dipenda da quale punto di vista la si esamini. Una Grande Predazione, parallela alla Grande Purga, che ne è la precondizione perché colpisce proprio i politici (tutti quelli del caso SME, per esempio – tutti-tutti anche dove non sono riusciti a raccattare neppure il minimo indizio di finanziamento illegale) già si erano opposti, in passato, quando avevano potuto (per esempio, contro gli Agnelli non avevano potuto nulla, non avevano potuto opporsi alle predazioni degli stessi – vedi, ad esempio, il caso Alfa Romeo), a predazioni. La Grande Predazione sfascia il potere DC (e cespugli, come il PSI) e passa aziende di Stato a privati-predatori che o non le pagano o le pagano pochissimo, largamente meno del valore reale, cassa inclusa. Il debito pubblico, mentre si conclama che si sta “facendo cassa” e creando efficienza tramite le privatizzazioni, balza dal 100% PIL al 120%. Non solo aziende di Stato sono regalate. Aziende vitali e settori industriali di una qualche competitività sono sfasciati e lo sono per sempre. È appunto una grande operazione macro-politica, macro-istituzionale e macro-economica la cui filosofia è una più rapida e sicura demolizione di Italiozia. 

Dimessosi, inspiegabilmente per chi si limiti a fotografare le cose senza capirne o volerne capire la valenza, Francesco Cossiga, gli subentra, in attesa di chi sarà eletto Presidente, Giovanni Spadolini, il Presidente del Senato, che dunque diviene pure Presidente della Repubblica pro tempore. Come tale, ha un potere istituzionale da cui, con Scotti, il Ministro dell’Interno, si può operare per contrastare militarmente Andreotti che controlla Polizie Segrete dei CC-NATO tradizionalmente esperte in mafie, terrorismi ed altre operazioni sporche. Non che coloro G.Andreotti non controlla siano meno esperti in lavori sporchi. Gli apparati dell’insicurezza, i disservizi di Stato, e del potere e dei poteri, hanno una base comune, per quanto esistano delle gerarchie che il blocco golpista Mediobanca-inglesi riesce ad aggirare a quel modo. Alla fin fine, per fare una strage rumorosissima e nel preciso momento voluto, basta poter mobilitare chi materialmente la fa e controllare la sala operativa locale sì da tenere l’area operativa libera da interferenze ‘di polizia’ [CC inclusi], oltre ad avere le informazioni sulla dislocazione del bersaglio sebbene in un mondo di burocrazie questo sia alla fine il dettaglio più facilmente risolvibile. Ovviamente occorre che i CC andreottiani non ne sappiano nulla, sennò basterebbe allertare la scorta di Falcone, o piombare sul luogo dove si prepara il misfatto, per mandare tutto a monte. Una bomba a Capaci non è un missile che si riorienta se il bersaglio cambia traiettoria. Un’operazione del genere necessita davvero della certezza al 100% che il bersaglio passerà di lì quando lo si aspetta, dato che non si tratta di una mobile autobomba o di una bazooka, ma di esplosivo collocato (e per farlo occorre tempo, oltre che copertura assoluta anche in loco), sotto una autostrada. Per scavalcare i CC, lasciati del tutto ignari, occorre, ovviamente, la garanzia del potere e dell’impunità di Stato, che la Presidenza della Repubblica (in quel momento occupata, pur provvisoriamente da Spadolini), oltre alla superiore copertura inglese, assicurano. Il tutto va pure eseguito in modo che Andreotti non ne sia informato fino ad operazione positivamente conclusa. Altrimenti, come capo del governo ed esperto del settore del terrorismo di Stato e con a disposizione Polizie Segrete CC-militari, Andreotti avrebbe potuto sventare la strage contro di lui, cioè contro Falcone ma per bloccare Andreotti nella corsa presidenziale ormai all’epilogo. Sarebbe bastato Falcone non andasse al mare, per l’ultimo week end, prima di divenire SuperProcuratore. Invece non sospetta nulla, né Andreotti sospetta nulla. Direi che qualcuno lo spinge ad andare al mare nella sua casa sicula. 

Giovanni Falcone è un morto che cammina ancora, quando iniziano le elezioni presidenziali. Non è qui rilevante se fosse un delirante o solo un illuso. Le connotazioni della personalità e le pulsioni si combinano e confondono negli individui reali. Claudio Martelli, dal Ministero di Grazia e Giustizia, che governa o crede di governare coi continui sondaggi di popolarità, vuole passare alla storia. Si fa affiancare da Giovanni Falcone, che diviene formalmente dirigente della Sezione Affari Penali del Ministero. In quella veste, in coordinamento stretto con Claudio Martelli, lavora alla creazione della SuperProcura, la DNA, che lui sogna di capeggiare e da lì divenire un novello John Edgar Hoover, con la sua FBI italica, ma con cui distruggere le varie criminalità organizzate, od almeno far vedere che ci prova. In realtà, l’FBI le mafie le crea e le usa, assieme alle Polizie Segrete militari della FFAA degli USA. Falcone va solo alla ricerca del proprio potere personale od è solo un pasticcione? Per fare l’angelo vendicatore od il giustiziere venuto dai cieli ha troppa pancia... Davvero un siciliano non sa che la mafia sono gli UK-USA ed i Carabinieri e che nessuno può farci nulla? 

Giulio Andreotti, che capisce i termini della questione, ovviamente non si sogna di ostacolare Claudio Martelli ed il suo pupillo Giovanni Falcone. Non si preoccupa minimamente di porre ostacoli alla creazione di una nuova burocrazia che si sarebbe affiancata alle esistenti Polizie Segrete ed alle esistenti strutture delle Procure. In fondo sono solo burocrazie, dunque clientele, addizionali e con costi addizionali. Andreotti, come un po’ tutti, ci sguazza. È solo che, a lavoro legislativo-formale compiuto, ed ormai ottenuta la nomina, Giovanni Falcone diviene un morto ambulante, in attesa di rapida esecuzione. A quel punto, o lo ammazzano, o lo rinchiudono, o lo incaprettano in un ufficio, pur col titolo di SuperProcuratore, che non può far nulla.

Andreotti glielo dice direttamente e personalmente che con la sua DNA sarebbe divenuto l’uomo più potente d’Italia, perfino delle istituzioni formali. Falcone, con la voce rotta dal pianto isterico che reprime, gli risponde che lui stesso, lui stesso Falcone, è la garanzia che non avrebbe abusato del potere si sarebbe trovato. Andreotti non è uno che si beva tali conclamazioni. Infatti lascia perdere sul momento. Non insiste coi suoi argomenti razionali che si sarebbero scontrati col volontarismo irrazionale di Falcone. Falcone ha il sostegno di Martelli. Ed Andreotti ha bisogno di Martelli contro Craxi. Andreotti continua a sostenerlo, nella forma, salvo pensare a soluzioni senza farsi la parte di chi si scontra col “grande combattente” che ha trovato la soluzione magica “contro la mafia”.

Qualcuno e qualcosa porta Falcone alla sua casa al mare... Non fosse saltato per aria a Capaci quel giorno a quell’ora, Andreotti avesse avuto successo, tramite Martelli, per avere i voti del PSI gli stava chiedendo in quel preciso momento, e fosse divenuto Presidente della Repubblica nelle ore successive, chi può sapere [oggi non lo sappiamo, chissà in futuro], se non fosse pronta la liquidazione di Falcone, da parte dei CC andreottiani, sulla via del ritorno a Roma, a week end finito, magari appena esteso visto che il 23 maggio 1992, sulla strada per il mare, era già sabato, sì da fare iniziare una Presidenza Andreotti col suo pupillo, così era ritenuto dalla propaganda mediatica, “caduto per mano della mafia” e dunque santificato, santificando con lui pure Giulio Andreotti. Si può solo dare per certo che il novello Hoover siculo non sarebbe mai divenuto tale. Che Riina stesse lavorando per i CC andreottiani e poi sia stato imbarcato, da forze più potenti, contro Andreotti anticipando il botto?

Non ci interessano le spy stories. Le logiche istituzionali e di potere sono quel che sono. Le mafie sono milizie parallele delle istituzioni, del potere e dei poteri. Il complottista crede, tra le mille altre cose, al complotto-mafia. Le mafie non esistono se non come strutture del potere e dei poteri, quelli anche istituzionali, non come complotti di “forze oscure”. I film di Hollywood, ed altri, sul tema, sono solo propaganda ufficiale, pur facendo intravedere, ma del tutto in codice, qualche sprazzo di verità.

Tra l’altro, la liquidazione (ordinata da Andreotti) di Salvo Lima, amico di Falcone, per quanto funzionale alla liquidazione della corrente sicula di Andreotti [ma Lima poteva pure essere liquidato per via giudiziaria-mediatica, da un Andreotti Presidente della Repubblica], è probabile che fosse funzionale alla programmata liquidazione di Falcone. Salvo Lima avrebbe potuto venire a sapere ed avrebbe potuto allertare Falcone. Invece Lima è liquidato quando si sente sicurissimo. Infatti non ha alcuna scorta né ricorre a precauzioni. Segno che viene colpito per quello nessuno si sogna. Il 12 marzo 1992, quando  è in auto con altre due persone, viene preso di mira ed assassinato senza minimamente scalfire i sui accompagnatori. Un assassinio mirato e pure facilissimo. Una di quelle cose su cui ci sono subito in campo le Polizie Segrete Carabinieri, che sono già lì a supervisionare l’operazione e che, subito dopo, di fatto bloccano qualunque indagine. Dunque questioni di Stato ed, in quel momento, “lo Stato” era Giulio Andreotti ed era stato ammazzato uno formalmente dei suoi, nella sua Sicilia, controllatissima dalle sue Polizie Segrete Carabinieri-NATO. No, lì non c’entrano Scotti, Spadolini, il Sisde etc.

Lasciamo stare le solite favolette della mafie che si aspettavano annullamenti dei processi poi non avvenuti. Solo il complottista crede a tali baggianate. Ed allora perché sulla scena del delitto arrivano le Polizie Segrete CC-NATO che vietano qualunque indagine giudiziaria? Quando si farà il confuso processo Lima sarà un processo contro Lima, un pasticciaccio come d’uso, e pure peggio, da quelle parti lì, in quella materia che si mescola sempre colle istituzioni e gli angloamericani-NATO, mai nominati ma se in Sicilia ci sono le basi militari sono prima arrivate le Polizie Militari USA ed hanno aggiustato tutto coi poteri locali dando ovviamente garanzie e coperture per i loro traffici. La balla di quelli si attendevano annullamenti di maxi-processi sono chiare creazioni propagandistiche di uffici di propaganda militare, che non hanno grande fantasia né finezza, anche se poi l’idiota medio si beve tutto. Il delinquente che può ‘aggiusta’ le condanne in mille altri modi, anche con annullamenti ed assoluzioni quando può, od anche confidando nella buona sorte che a volte può assistere quando non si tratti di grandi questioni di Stato, ma senza clamori che possono solo danneggiare l’imputato. Alla fin fine, chi è coperto resta fuori, finché lo è. Chi non lo è, o non lo è più, resta dentro e, se serve, o se a nessuno ne importa, magari esce prima. Uscito può essere liquidato da chi lo ha soppiantato e lo vive come possibile rivale desideroso di rivalsa. Oppure riprendere qualche potere, rientrare nel giro, se è di qualche utilità per il potere politico-istituzionale. Oppure può fare il pensionato.   

Le criminalità organizzate italiche hanno coperture NATO, e delle Polizie Segrete Carabinieri ed di altri del potere compradoro ‘romano’. Dunque non possono essere rimosse. Tra l’altro, con le basi militari USA in Sicilia, ci sono rinnovati accordi a vari livelli e con varie funzioni, tra servizi militari statunitensi e cosche siciliane. Lo stesso vale per tutte le criminalità organizzate italiche. Ci sono continui arresti e repressioni contrabbandate come “lotta contro”, ma sono solo normali operazioni di controllo e di cambiamenti di pelle. Create le criminalità organizzate, “lo Stato” deve far sì che da sue milizie parallele non divengano esse stesse “lo Stato”. I delinquenti che hanno il potere istituzionale, i delinquenti che si fanno chiamare “lo Stato”, non vogliono farsi fare le scarpe dai delinquenti essi usano, per cui li devono perpetuare come delinquenti, criminalizzandoli, mentre li usano. Tutto lì. La repressione è funzionalizzata a ciò, non a sopprimere il fenomeno, le loro [dello Stato] milizie parallele, bensì solo per contenerlo mentre lo si controlla e gestisce. Si colpiscono personaggi per promuoverne altri. Le repressioni sono repressioni contro i singoli e non contro il fenomeno. Tra l’altro quelle che sono definite come “criminalità organizzata” sono in genere imprese che vivono di lavori pubblici, e non solo, e che vengono mobilitate dal potere e dai poteri interni ed esteri quando attività di Polizia Segreta, cioè delinquenziali di Stato, lo impongano, che non è che sia una vera necessità od indispensabilità ma solo costumi ed usi criminali e psicopatici dello Stato ufficiale, quello legale o che così si fa sembrare. Le cosiddette ‘mafie’ sono imprese, imprese come tutte le altre, e poi, allo stesso tempo, imprese a disposizione per delinquere con coperture di Stato quando il potere chiami. In realtà, non è che esista un vero confine, perché a tutte le imprese, quando giudicato necessario, una Polizia Segreta può chiedere di delinquere per interessi suoi [suoi della Polizia Segreta e delle istituzioni la gestiscano] e non è detto che l’impresa possa sottrarsi senza danni o senza essere distrutta, od i proprietari e/o manager che hanno rifiutato rimossi. Che i personaggi delle criminalità organizzate siano agenti diretti di Polizie Segrete oppure personaggi variamente eterodiretti, i termini qualitativi della questione non cambiano. Queste cose con le vanno a dire al singolo picciotto, al singolo soldato, per quanto quelli più svegli lo vedano che le cosche, le bande, sono intrecciate col potere, anche se magari pensano, viene fatto loro ritenere, che siano loro che corrompono “lo Stato”. Più semplicemente, i personaggi e gli agenti delle varie istituzioni e dei vari apparati,“lo Stato”, in genere gentaglia corrotta, ne profittano mentre sono loro che usano “i mafiosi”. Non è “lo Stato” che è usato. “Lo Stato” (che sono poi singoli burocrati, come faccia visibile) usa anche se è suo interesse farlo trasparire il meno possibile sì che quando arriva l’ordine di liquidare l’uno o l’altro personaggio o gang, o parte di gang, possano dire che non hanno potuto dare, o più dare, protezione. Sono solo giochetti delle parti. Quando qualche funzionario di Stato si illude, e non capisce bene il suo ruolo delinquenziale di Stato, viene fatto liquidare su ordine istituzionale. Lo stato simula di ‘combattere’, di “lottare contro”, di essere colpito, quando è sempre esso che dirige i giochi in questo campo. Con le stesse ‘logiche’, è lo Stato, sono il potere ed i poteri che sono i pupari sia di criminalità organizzate che di terrorismi. 

Le illogiche logiche burocratiche, fatte di ordini che non si devono discutere, e che sono ora ordini di attivarsi ed ora di non attivarsi o di lasciare perdere, senza che appunto si possa discutere un ordine superiore, né chiedere spiegazioni su di esso, lasciano lo stesso funzionario dello Stato, sia esso civile o militare, in uno stato di falsa coscienza per cui, anche chi dovrebbe, non capisce bene che cosa stia facendo. Tutti obbediscono ad ordini. Nessuno sa bene il senso di quello cui debba obbedire. Qualcuno che mai capisca o sappia tutto non è che lo possa o voglia andare a raccontare. Tutti si coprono dietro interessi superiori e più generali. In realtà, in genere, tirano tutti a campare.

Claudio Martelli e Giovanni Falcone vivono al di fuori della realtà. Martelli in fondo è solo un politicante e, nel momento, come Ministro, una figura istituzionale. Chi sta diventando capo della sua FBI-GPU, o la supponga tale, italica personale è Falcone. Si è fatto fare leggi per sé e solo per sé, ed è convinto che “lo Stato” sia con lui e di divenire un grande eroe che passerà alla storia per la liquidazione della mafia e delle mafie.

In realtà, Falcone cozza contro interessi anglo-americani e NATO, oltre ad interferire col potere dei Carabinieri che, su delega e sotto direzione statual-governativa, e coi vincoli NATO, controllano e gestiscono “le mafie”.

Per cui fattegli le leggi e fattolo capo della DNA, sia Andreotti, che i suoi CC, che i CC non sui, che la NATO, mettono Falcone in liquidazione. Senza di lui, infatti, non a caso, la DNA coi suoi procuratori ed annessi, e le sue Polizie Segrete, diviene solo un’altra burocrazia variamente inutile. La cosa è facilmente verificabile. Nella già sbagasciata Italiozia, figuriamoci che funzionalità possano avere le varie polizie e Polizie Segrete che si pestano i piedi e coi Carabinieri variamente dominanti gli altri disservizi e corpi. V’è pure la GdF, corpo militare, e con sue Polizie Segrete egualmente agli ordini delinquenziali dei governi, anche se poi, alla fin fine, dominino coloro che hanno le coperture NATO, e più precisamente di inglesi ed americani che, tra l’altro, non sempre hanno gli stessi interessi.

Ovviamente, Andreotti non può permettersi che quello che è considerato, a torto, anche suo pupillo, non solo di Martelli, venga clamorosamente assassinato mentre sono aperti i giochi presidenziali. Invece, evidentemente, c’è chi ha interesse che ciò avvenga proprio quando Andreotti è ancora favorito favoritissimo per la corsa al Quirinale. Si colpisce Falcone per avvertire Andreotti della potenza di fuoco che si è disposti ed in grado a mettere in campo, e che le sue Polizie Segrete Carabinieri-NATO possono anche essere fatte fesse.

Il boato di Capaci, il 23 maggio 1992, sconquassa Roma proprio mentre Andreotti, bloccato Forlani, che non passa proprio perché mancano i voti andreottiani, sta parlando con Martelli e gli sta chiedendo i voti del PSI per divenire lui, Andreotti, Presidente della Repubblica. È sintomatico, come già evidenziato, che Andreotti stia chiedendo i voti del PSI a Martelli, e non direttamente a Craxi. Per quanto, i politici (governatissimi da altri spesso da loro indistinguibili, fin da quando accedono a qualunque istituzione elettiva) alla fin fine capiscano poco e nulla di quanto accada sotto il loro naso, quando Andreotti chiede i voti del PSI a Martelli, la Grande Purga contro il PSI ed il sistema partitico è già partita, Craxi è già stato da essa colpito, per quando formalmente non direttamente, non ancora. Siccome nessuno vede la mano di Andreotti (o non vogliono vederla o non possono dirlo), né di altri, e tutti credono, o così fan sembrare, alle forze oscure, soprattutto lontane, lontanissime, anche mentre vengono colpiti da gente sotto il loro stesso naso, Andreotti sta dicendo a Martelli che lui, Andreotti, è sempre stato amico del PSI e con esso leale. Andreotti sta colpendo Craxi ed il PSI proprio a Milano ma neppure si sospetta che Antonio Di Pietro sia un agente delle Polizie Segrete militari mobilitato dei Carabinieri andreottiani proprio per fare quello sta facendo e secondo ordini o eterodirezione (che di fatto è la stessa cosa) loro! Andreotti, in quegli istanti, avrà già fatto balenare o farà balenate a momenti che da Presidente della Repubblica lui avrà il controllo del CSM, anche se poi tutti i Presidenti diano a bere che il loro CSM agisca di testa sua ed, eventualmente, sotto l’influenza delle solite indistinguibili od indicibili “forze oscure”? Sta di fatto che proprio in quel momento, nel mezzo dell’interlocuzione con C.Martelli, gli arriva la telefonata dell’attentato. Andreotti posa la cornetta e dice a Martelli che Falcone sta morendo a seguito di un botto spaventoso sull’autostrada stava percorrendo e che lui, lui Andreotti, rinuncia alla corsa Presidenziale. Andreotti, esperto, espertissimo, ha capito al volo la valenza di Capaci!

Falcone poteva non andare in Sicilia proprio in quel momento. In effetti, non può sapere che qualcuno potrebbe pensare ed ha affettivamente pensato di colpirlo per colpire la corsa presidenziale di Andreotti. Ma, ben più grave, non intuisce neppure che sta pestando i piedi a troppi, eppure avvisaglie le aveva già ben avute e da anni, e che dunque, ora che è in dirittura di arrivo e si aspetta solo la sua nomina formale e la presa in possesso dell’ufficio di SuperProcuratore, a giorni, può essere concretamente un bersaglio, un bersaglio per essere fisicamente eliminato. Lo sa che ha contro apparati militari, ed altri, dello Stato, non picciotti comunque in vendita sui mercati dei soldi di Stato.

Il fallito attentato dell'Addaura del 21 giugno 1989, si configura subito come un’operazione di Stato e, più precisamente, di Polizie Segrete Carabinieri-NATO, visto chi sventa l’attentato (personale della PS, frazioni della PS che si mettono contro i Carabinieri ed i loro mafiosi) e viene per questo rapidamente ammazzato. Che fosse Falcone il solo a non saperlo? Ed allora Falcone era ancora ben lungi dal divenire SuperProcuratore della sua GPU ‘anti-mafia’ mentre ora, coloro cui pesta i piedi, i Carabinieri-NATO, non possono più lasciarlo andare avanti. O Falcone si illude di esserci ‘comprato’, od anche solo ingraziato, Andreotti. Beh, non capisce, non che fosse facile capirlo, che Lima lo fa ammazzare Andreotti. Eppure lo aveva capito che era una cosa atipica, una cosa che neppure lontanamente sapesse di ‘mafia’, per cui avrebbe dovuto comprendere, ma non ci arriva, che erano scontri nello Stato. Lui, Falcone, era lo Stato. Stava attuando una cosa inverosimile. E gli fanno fuori un suo amico. Tra l’altro, una DNA senza reclutamento specifico dei sui apparati giudiziari e militari, ma la solita accozzaglia interforze, non era così dirompente come lui si voleva immaginare. Andreotti gli avrà fatto dire che non c’erano i soldi per creare una nuova Polizia Segreta ai suoi ordini, e che, dunque, si dovevano prelevare militari e funzionari da altri corpi come d’uso. Sono solo trucchetti per non intaccare il potere dei Carabinieri-NATO, che così possono continuare a mettere il naso dappertutto e senza fatica. Eppure una sua [di Falcone] DNA si scontrava egualmente col potere dei Carabinieri e dei Carabinieri-NATO in Sicilia ed altrove. Pur interno allo Stato, Falcone non ci arriva. Eppure lo vede che tutti lo trattano da appestato, Di Pietro incluso. E la Grande Purga è solo agli inizi e si vede poco, per cui si vedeva un Di Pietro che non era ancora quello che sarà poi fatto divenire dalla propaganda angloamericana.

Uno si chiuderebbe in un luogo ben protetto, o di improbabile attacco, o, meglio, adotterebbe tecniche di clandestinità assoluta, anche per evitare tutto il trambusto della scorta, oltre che la facile tracciabilità, quando ci si muove con scorta, da parte di chi volesse e potesse colpirlo. No, lui non se ne preoccupa. Non capisce i termini della questione. Del resto, se li avesse capiti, avrebbe lasciato perdere i suoi vaneggi e l’inutile professione, o si sarebbe limitato agli introiti senza rischi. No, lui vive su un altro pianeta. Non è l’unico. Ma lui ambisce a divenire una grande figura politico-istituzionale [SuperProcuratore] e, come tale, passare alla storia.

Sta di fatto che va, da Roma, in Sicilia, per il suo ultimo [ultimo prima di divenire SuperProcuratore] week-end al mare. È sabato 23 maggio 1992. Uno si vorrebbe, o lo vorrebbero, grande eroe di non si sa bene cosa. E poi è un ometto legato alla banalità del fine settimana nella propria casa al mare, e pure in un mare distante da dove risiede, da Roma. Visto il fisico appesantito, non si può neppure pensare che fosse un grande sportivo. 

Se non altro per le necessità logistiche, l’aereo, la scorta su strada, fogli di viaggio, auto, trasferte per il personale, rimborsi spese, definizione di orari, informazione alle sale operative ai vari livelli ed in vari luoghi e di vari corpi, una gran massa di gente può ficcare il naso nel suo percorso, di certo senza difficoltà un Disservizio non amico e con intenzioni fatali. Sarebbe stato più sicuro su voli di linea e mezzi pubblici, e senza scorte pesanti, visibili e tracciabili. Sarà la vanità di essere un peso ed un costo, per cui ci sente più alti in status se si ha una di quelle scorte da grande statista, quale lui aveva, pur essendo solo un dirigente di un Ministero e futuro, a giorni, ‘Hoover’.

Sta di fatto che lui infila la testa nel cappio che a Capaci gli si chiude attorno al collo. In effetti, se l’errore di chi ha premuto il bottone fosse stato di qualche frazione di secondo più lungo magari si salvava. Ciò non avrebbe cambiato gli effetti dell’evento per Andreotti che avrebbe egualmente capito il segnale che era innanzitutto per lui. Dato che, alla fin fine, si voleva e doveva stoppare Falcone, essendo tale l’interesse dei Carabinieri-NATO, di cui mafie e terrorismi sono solo milizie parallele, lo avrebbe incaprettato egualmente, con un po’  d’abilità, od anche solo per resistenze burocratiche, anche senza il clamore di un assassinio. Visto i livelli di comprensione del pollo, non sarebbe stato per nulla difficile e senza alcun rischio d’improbabilità di riuscita. 

Per Capaci-Falcone, per scavalcare le Polizie Segrete Carabinieri di Andreotti, è stato verosimilmente usato il Sisde, una frazione senza Carabinieri andreottiani e senza loro agenti, o qualche Polizia Segreta della PS. In pratica, al di là delle sigle che contano poco agli effetti pratici, qualche (od anche un solo) funzionario della PS, già pratico del settore e di operazioni sporche, e con pieni poteri e coperture, anche contro i CC in quella circostanza, si è visto assegnare la responsabilità dell’operazione. L’assistenza britannica non necessitava di grandi squadroni. Un elemento esperto, e coi necessari poteri per fronteggiare qualsiasi evenienza, che supervisioni ed assista è sufficiente. In queste operazioni non conta il numero, ma i poteri che ha chi ha la responsabilità dell’operazione. Lì erano coperti dal Quirinale e con un Ministro dell’Interno cooperativo. 

Concretamente, in quel momento, dal punto di vista delle coperture istituzionali, tutto ciò è possibile grazie a Scotti, all’Interno, comprato da CDB, dunque a disposizione di quel blocco di potere in quel momento, e, soprattutto a Spadolini temporaneamente al Quirinale [no, non agisce fisicamente da lì, ma la sua posizione istituzionale del momento è lì]. A Spadolini, un vanesio ambizioso all’inverosimile, hanno fatto balenare che sul cadavere di Falcone sarebbe divenuto lui Presidente della Repubblica. Falcone morto serve per stoppare Andreotti e per fare lui Presidente, crede lui. Spadolini ne è estasiato. È pure sicuro, sicurissimo, che tutto andrà come gli è stato fatto credere. Ai funerali di Falcone, a Palermo, il 25 maggio 1992, ha già il discorso di investitura in tasca. Non che serva a nulla. Ad elezione avvenuta, basterebbe ringraziare ed andarsene a prendere possesso della carica, tanto più che, a termini di Costituzione, il Presidente dovrebbe fare solo il passacarte, uno che mette timbri e firme. Ma no, i politicanti sono tutti vanitosi. Poi, lui lo è all’estremo. Si è preparato uno dei suoi discorsi ampollosi ed auto-incensatori, una di quelle cose per passare alla storia, alla storia dell’oratoria vanesia se non altro. Gli arriva la doccia fredda che hanno fatto Scalfaro. Lui resta al Senato, a presiederlo, nella incredibile Italiozia dove il mister martelletto del Senato è reputato, solo perché per Costituzione sostituisce il Presidente se impedito nelle sue funzioni [“in ogni caso che egli non possa adempierle”], “seconda carica dello Stato”.

Gli resta la Presidenza del Senato che tiene fino al 1994 quando vince, seppur effimeramente, Berlusconi [semplifichiamo, qui – S.Berlusconi non conta nulla essendo solo il marchio da marketing che copre altri ed altro] e lui, G.Spadolini, elemento di punta (più che altro come nome) del blocco compradoro Mediobanca-quirinalizio-sinistro, non riesce a passare come Presidente del Senato. Spadolini, restato senza cariche, pur sempre senatore a vita, ne muore.

Il 16 aprile 1994, è eletto presidente del Senato Carlo Scognamiglio Pasini. Spadolini ottiene un voto in meno. Come fa a sopravvivere senza incarichi istituzionali o para-istituzionali, pur senatore a vita?

Il 15 giugno, Spadolini viene ricoverato  nella clinica Quisisana. Il 4 agosto 1994, lì viene a mancare. La Quisisana è una clinica di lusso, la stessa dove Gramsci venne avvelenato dall’URSS, di certo con pieno accordo italo-monarchico (sebbene non è che il monarco-fascismo avesse un vero interesse diretto a disfarsi di Gramsci, del tutto innocuo relativamente allo Stato italico) visto che l’operazione si svolgeva su territorio italico, ed infine gettato dalla finestra forse perché tardava a morire o non si era sicuri morisse. 

Scalfaro è una scelta di compromesso, compromesso anche interno al blocco compradoro manovrato dall’Ambasciata Britannica. Qualcuno non si fida troppo a passare dal bipartitismo DC-PCI, pur col contropotere compradoro di Mediobanca, a far occupare il vertice istituzionale da un vanesio direttamente dell’area Mediobanca quale Spadolini è. Inoltre, alla fin fine, pur governati da forze esterne, premuti e ricattati, sempre occorre che almeno la metà dell’assemblea più uno voti per chi diverrà Presidente della Repubblica. “Dopo il terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta.” I padroni delle tessere, quelli che controllano, quelli almeno che si fanno controllare e quando si fanno controllare, i voti dei parlamentari e degli altri che partecipano all’elezione del Presidente, convergono su uno della DC ma senza base, non un andreottiano, un altro vanesio, uno di quelli che pur di restare in sella farà tutto quello sarà ordinato dall’Ambasciata Britannica. Quando non capirà bene, lo faranno inquisire dalla Procura di Milano. I partiti pensano di avere trovato uno che va bene a tutti, pure a loro. Ed, invece, col cappello da Presidente della Repubblica, e di una repubblica ora divenuta, a Capaci, dittatura del Quirinale compradoro, un Quirinale del tutto sottomesso all’Ambasciata Britannica e senza più il freno dei partiti, Scalfaro farà da copertura alla Grande Purga ed alla Grande Predazione volute dall’Ambasciata Britannica e da Cuccia-Mediobanca. 

Scalfaro è uno psicotico, con chiarissime connotazioni schizofreniche, che fanno sì interpreti il personaggio si sceglie o gli viene assegnato. Si identifica col personaggio deve interpretare. Se esso poi risulti falso, egli passa senza drammi ad interpretarne un altro, o rettifica subito la precedente rappresentazione. Alle ‘virtù’ della paranoia , combina dunque la massima flessibilità. Gli fanno fare il retore pieno di sé mentre la dittatura inglesi-Mediobanca conclude sia la Grande Purga che la Grande Predazione, e le stabilizza e permanentizza come anti-berlusconismo e come delirio della spesa pubblica e della predazione sia burocratica che privata, pur con talune quadrature macro-contabili (non gran cosa ai fini dello sfondamento accelerato d’Italiozia che procede ineluttabile) volute da Berlino.  

A quel punto, la Grande Purga per creare la dittatura quirinalizia sotto la propria dittatura, quella di Giulio Andreotti, che ora è sconfitto, almeno rispetto alla corsa presidenziale, passa sotto il controllo dell’Ambasciata Britannica che poggia sul blocco mediobancario-confindustriale-sinistro, con le sue gazzette che controllano direttamente la disinformazione scritta ed, indirettamente, pure tutta l’altra. Alla fine, è l’Impero che controlla tutta la disinformazione, anche dove non arrivi come proprietà formale dei media.

Il Presidente della Repubblica controlla, con poteri dittatoriali, il CSM, ed ora [col golpe di Capaci], di fatto, pure governo e parlamento. Chi prima obbediva ad Andreotti deve ora obbedire al nuovo blocco di potere. Nonostante il normale opportunismo dei sudditi, statali ed altri dipendenti ‘pubblici’ inclusi, non è mai tutto così lineare. Nelle amministrazioni pubbliche le chiamano cordate ma sono vere cosche mafiose di dipendenti pubblici che si scontrano con altre e che non accettano meccanicamente di essere accantonate, di perdere posizioni di potere ed opportunità, dunque di corruzione protetta e relativi profitti, solo perché i loro padrini centrali sono in disgrazia. Transitano facilmente coi nuovi vincitori istituzionali formali (sono quelli firmano le nomine, col connesso potere sia di allocazione di altre posizioni e redditi, che di raccomandazione) del momento, sebbene il campo sia affollatissimo. Per cui, non è sufficiente essere voltagabbana, essendovi talvolta ostacoli o non essendo ciò sufficiente garanzia del mantenimento di posizioni di potere e di reddito. Occorre comunque forza propria, forza che si esplica, talvolta, anche difendendo, in qualche misura, i propri precedenti padrini. Sta di fatto che G.Andreotti non viene infognato nelle inchieste sulla cosiddetta corruzione dove tutti coloro che non sono supinamente subordinati ai voleri dell’Ambasciata Britannica e del suo blocco predatorio-mafioso mediobancario-sinistro vengono sputtanati e distrutti, innanzitutto a livello mediatico (più rapido dei processi che spesso neppure si fanno, o che si concludono, per molti, con assoluzioni), con l’accusa di essere corrotti. Il tutto è costruito per assonanza. Sei un non amico, non un  servo sculettante, del blocco compradoro britannico-Mediobanca-sinistro, e delle sue predazioni, ecco che ti accusano di finanziamento illecito. Ti bollano come un corrotto, con giochi di assonanze. O ti dimetti subito da incarichi istituzionali e di rappresentanza oppure ti dimettono loro in un modo o nell’altro, infierendo ancora di più.

Sono classici meccanismi da Grande Purga, nella solita tradizione angloamericana dove tutto deve apparire oggettivo, inevitabile, casuale, e per colpa dell’accusato e solo sua. Mentre, invece, è tutto rozzamente costruito. Nulla di nuovo sotto il sole. Solo sono tutti allo sbando perché nessuno si aspettava che una cosa così potesse capitare in Italiozia. In realtà, non è nulla di nuovo, dato che negli anni e decenni precedenti, in realtà dalla creazione d’Italiozia, nel 1860-61, se ne sono già viste di tutti i colori, ma non in quelle proporzioni e non come attacco diretto al governo formale ed al parlamento per imporre la dittatura di un’altra istituzione, il Quirinale ora assunto a centro assoluto di tutto. Se prima tutto avveniva all’interno del quadro istituzionale uscito dalla IIGM, ora si cambia la Costituzione materiale per cui è un chiaro processo di colpo di Stato con questo preciso fine. Tutto marcia rapidamente e con inevitabile successo. Dalla Repubblichetta dei partiti compradori alla dittatura del Quirinale compradoro, coi partiti e gruppi parlamentari che nascono e spariscono come funghi ad ogni pioggia, e coi governi formali ed i Parlamenti agli ordini di fatto del Presidente della Repubblica, che significa  della burocrazia del Quirinale che egli formalmente dirige o dovrebbe dirigere. Più un Presidente è tenuto occupato in ciance, ed in altre vanità, meno, ovviamente, ha tempo per tenere tutto sotto il suo diretto e personale controllo.

Beh, quando scatenano queste operazioni, che poi sono banali operazioni di polizia, non è che avvisino prima. Vengono date alle Polizie Segrete liste di quelli che vanno liquidati, e di quelli che vanno protetti e promossi.

Se sei un corrotto al soldo del blocco compradoro britannico-Mediobanca, fai parte degli apoditticamente onesti. Se sei contro le mega-truffe del blocco compradoro britannico-Mediobanca, ti bollano come un corrotto, e come tale ti liquidano. Intanto, col Parlamento e tutte le istituzioni, Quirinale a parte, sotto terrorismo giudiziario, varano la grande truffa della privatizzazione di parte rilevante dell’industria pubblica. Britannici, americani, le famiglie mafiose di Mediobanca, si rubano tutto. Riempiono le imprese da privatizzare di soldi e poi le privatizzano. Coloro se ne appropriano, se le prendono in genere senza pagare nulla, le trovano piene di soldi, poi le frammentano per venderle ad altri con loro ulteriore personale profitto. A Grande Purga 1992-1993 in corso, e nonostante i grandi profitti da privatizzazioni vantati dalla propaganda, il debito pubblico balza dal 100% PIL al 120%. Conclamano onestà ma rubano a man bassa e con grandi costi per tutti. Non solo rubano. Fanno a pezzi la già non eccellentissima struttura industriale italica. Soprattutto aziende con qualche potenzialità vengono usate per rubare soldi pubblici e farle a pezzi. Tanto le Procure ed i GIP sanno chi devono colpire così come sanno chi non possono e non devono colpire. La Grande Truffa delle privatizzazioni, così come tutta la corruzione del blocco Mediobanca-sinistra è coperta, pur con qualche puntata, più che altro di ricatto, contro il centro ex-PCI giudicato indocile. Ovviamente pure le frazioni craxiane dell’ex-PCI milanese sono state liquidate per via giudiziaria mentre altri si allineano subito al blocco Mediobanca, come i Napolitano. Beh, G.Napolitano è un caso speciale, specialissimo. È un Savoia, figlio naturale dell’ultimo Re d’Italia, reclutato dagli alleati quando occupano Napoli e poi infilato nel PCI. Un Savoia nell’area di Togliatti. Nel PCI degli inglesi, ed angloamericano, il Savoia sotto copertura Giorgio Napolitano è a casa sua. È un vanesio, come padre e madre, con atteggiamenti da guappo camorrista che si sente investito da poteri superiori, che ciancia di nulla mentre sfasciano Italiozia colla DC anch’essa progressivamente corrotta dagli angloamericani. 

I fantocci di Mediobanca-inglesi sono invece intoccabili. Sono in liste particolari, da proteggere e promuovere. Sono etichettati come gli onesti, gli onestissimi. Certo, se i delinquenti sono gli altri e solo gli altri! Ci pensano i media, in  genere sotto il controllo delle famiglie mafiose di Mediobanca, ad indorare la Grande Menzogna

Sarebbe ingenuo, ed anche falso, dire che il blocco “nazionale” si riorganizza attorno a Berlusconi, la LN, AN, i Casini. Gli andreottiani e gli altri non sono meno compradori del gruppo Mediobanca-sinistro. Hanno solo, in passato, mostrato qualche resistenza, non sempre con successo, relativamente a privatizzazioni truffa. Con quel blocco in pieno possesso della sua forza, anziché con un Parlamento e le istituzioni sotto terrorismo giudiziario, come avviene nel 1992-93, e poi ininterrottamente fino ad oggi, le privatizzazioni truffa non sarebbero state possibili o non in quelle dimensioni. Cuccia [irrilevante fosse figlio naturale di Guido Jung, il suo padrino iniziale], un esperto mafioso e padrino dei padrini di famiglie mafiose, si muove spietatamente come tale, ora che il contropotere costituito dalla DC è stato sfondato con l’assenso e l’assistenza dell’Impero. 

Risottolineiamo che le cosiddette privatizzazioni sono un’operazione non solo macro-economica ma pure macro-politica. Se vuoi distruggere la DC uscita dalla IIGM devi distruggere l’industria pubblica che è stata la sua base di potere e contropotere (relativamente alle oligarchie predatorie private) a livello industriale. L’IRI la crea il monarco-fascismo di fronte al fallimento delle oligarchie predatorie private. È un’operazione economico-finanziaria ma anche politico-istituzionale. Con uno Stato inefficiente, e per giunta compradoro, che non sa né può controllare l’industria privata, ecco che un contropotere industriale ad essa può essere creato solo basandosi sulla proprietà statale di industrie. L’IRI monarco-fascista viene passata alla DC, visto che è essa il partito-Stato, almeno formalmente, che esce dalla IIGM. Dall’onestà della fase mussoliniana (incaricato della fondazione dell’IRI fu un Alberto  Beneduce, socialista massone con la tessera del PNF), l’IRI viene corrotta dal sistema di potere DC. Tuttavia restano punte di eccellenza industriale. Con la privatizzazioni-truffa, vengono variamente corrotte le stesse industrie che si erano preservate con una qualche efficienza. Un tipico caso è Telecom. Col blocco delle corruzione Mediobanca-sinistro solidamente al potere, non esistono più argini alla corruzione totale di tutto l’esistente. Per l’Impero, ed anche per la UE germanica, questo è del tutto funzionale alla definitiva marginalizzazione di Italiozia. I tedeschi non vogliono concorrenti, bensì solo mercati per esportare, per quanto, se sfondano troppo, come fanno, i mercati sono poi meno tali, si contraggono. Miopia e disorganizzazione tipicamente tedesche. L’Impero vuole demolire la UE germanica dall’interno. I due interessi convergono. L’ottica tedesca è miopica. Quella dell’Impero ha un qualche realismo perché una Germania sviluppata, ma pur sempre estremamente burocratizzata e disorganizzata, circondata dal deserto non è detto che possa sopravvivere e, comunque, non davvero competitiva col blocco anglofono. Anche se, alla fin fine, non è la UE che distrugge le strutture industriali e produttive di vari paesi UE ed euro. Sono piuttosto politiche di spesa pubblica insostenibile, spesa pubblica che, alla fine, distrugge l’economia reale. La spesa pubblica va in gran parte in predazione burocratica ed oligarchica, non in sviluppo.

Se il blocco andreottiano si attiva per creare, come sua proxy clandestina, il berlusconismo, l’Ambasciata Britannica, che ha appena creato il suo regime di dittatura quirinalizia col suo blocco sociale Mediobanca-sinistri, non si può pensare che stia a subire passivamente il corso degli eventi. Non si può immaginare che il blocco andreottiano, di certo senza che Giulio Andreotti non ne sia parte propulsiva, contatti Berlusconi, lo obblighi ad entrare in politica come faccia da marketing di punta del blocco andreottiano stesso, senza che tutti, nei punti centrali, di comando, nei giri del potere, lo sapessero.

Bastava un momento, nel 1993, per ordinare la liquidazione giudiziaria, con procedura d’urgenza, di S.Berlusconi, che si apprestava ad entrare in politica, e familiari. In realtà, il management della Fininvest era contro l’entrata in politica. Ciò significa che non era affatto necessaria l’entrata in politica per salvare l’azienda dalla liquidazione giudiziaria passandola poi agli Agnelli, ed ai CDB ed altri, come è successo a tante aziende. Qualcuno obbliga Berlusconi all’entrata in politica, come uomo di paglia, facciata, per i G.Letta, facendogli credere si avere informazioni sicurissime, segrete, da non dire a nessuno, che la sua espropriazione è stata pianificata ed è inevitabile, a meno che entri subito in politica per prendere la testa del fronte anti-Quirinale, cioè del fronte andreottiano. Sono tipiche tecniche di Polizia Segreta. Il far credere. Con S.Berlusconi lo hanno fatto gli spezzoni delle Polizie Segrete Carabinieri andreottiane che non si allineano al golpe quirinalizio, cioè di Mediobanca-AmbasciataBritannica.

Mediobanca, coi sinistri, sindacati (istituzionalmente corrotti, corrottissimi) inclusi, è il blocco di interessi. L’Ambasciata Britannica è il centro politico-militare. Certo, le fonti ufficiali raccontano che Gianni Letta è tra coloro che sconsigliano a S.Berlusconi di entrare il politica. Ciò è del tutto irrilevante relativamente all’essere poi G.Letta divenuto il capo reale del governo formale quando Berlusconi ricopre, del tutto formalmente, il posto di capo del governo. Il vero capo del governo formale, formale perché si è in regime di dittatura quirinalizia compradora, è Gianni Letta che è così il capo, od il braccio, istituzionale del blocco andreottiano. È del tutto irrilevante che ciò sia stato detto a G.Letta e, nel caso, quando gli sia stato detto. Lui dirige il governo vero, quello dei Direttori Generali dei Ministeri, le burocrazie predatorie. Lui parla e tratta coi poteri veri, Ambasciate dell’Impero incluse. G.Letta governa, pur nei limiti della dittatura quirinalizia. Berlusconi fa il clown per media ed elettori. La linea politica e di politica economica che implementa ed implementano è quella andreottiana: fedeltà formale agli USA-NATO, espansione della spesa pubblica sia burocratica che altra, e contenere, per quel riescono, le oligarchie predatorie pur ormai strapotenti ed incontenibili. L’espansione della spesa pubblica oligarchica ‘privata’ è inevitabile sia per gli equilibri di consenso della logica predatoria sia perché il blocco mediobancario, pur colla direzione politico-militare dell’Ambasciata Britannica, è il blocco vincente controllando esso il Quirinale della dittatura quirinalizia para-Mediobanca-inglesi che si instaura con la strage di Capaci.

S.Berlusconi mette la faccia e null’altro. Non ha il nulla osta sicurezza NATO [i britannici impediscono lo abbia] per occuparsi, anche solo formalmente, di Servizi Segreti. Delega a G.Letta. In politiche e politiche economiche interne non conta nulla. Le decide il blocco andreottiano mediando col Quirinale. S.Berlusconi conta favolette. Me le “partite IVA” sono egualmente progressivamente sfasciate dai suoi governi come da quelli sinistri. Idem le piccole-medie aziende. Spesa pubblica e tasse aumentano, anche con Berlusconi. Lui le conta, ma senza rispondenza colla realtà. S.Berlusconi è ottimo per le campagne elettorali. Ma poi, la sostanza liberista manca del tutto. 

In politica estera, gli stessi rappresentanti istituzionali USA gli sghignazzano sia in faccia che alle spalle. Idem i tedeschi. I francesi e tutti gli altri pure. Perfino lo stesso Gianni Letta quando  le ambasciate angloamericane gli chiedono notizie. Tutti sanno che l’interlocutore è il Quirinale, non S.Berlusconi che, anche in politica estera, fa lo zimbello. Lui racconta di essere il centro del mondo. Nessuno se lo piscia. Lo trattano da macchietta. È quello fa anche Putin, che lo usa come contatto d’affari, senza concedergli nulla, su questioni di Stato.

Salvatore Riina viene arrestato il 15 gennaio del 1993 su specifica iniziativa di ufficiali dei Carabinieri andreottiani, e su ordine diretto di G.Andreotti. Lo individuano e lo arrestano giocandosi il vanitoso Caselli appena arrivato a Palermo. Il blocco Quirinale-AmbasciataBritannica, dunque il Quirinale, col suo governo formale e Ministero dell’Interno-PS, protegge Riina. Non a caso, coloro ne provocano l’arresto e lo arrestano sono oggetto di persecuzione da parte del blocco Quirinale-AmbasciataBritannica. Caselli assume la carica di Procuratore a Palermo lo stesso 15 gennaio 1993. Non fanno in tempo a spiegargli che Riina non deve essere arrestato. I Carabinieri andreottiani se lo giocano, mentre il Ministero degli Interni dà copertura a Riina manovrando perché sfugga alle ricerche dei Carabinieri di Andreotti. I Carabinieri di Andreotti usano tecniche di Polizia Segreta. Non chiedono la solita autorizzazione ai Comandi Generali, come fanno di solito, dato che questi avrebbero risposto negativamente, sapendo che il Quirinale ed il governo formale, con la PS e le sue Polizie Segrete, sono contro l’arresto.

Questo significa che i Carabinieri andreottiani sono già riusciti ad attivare un’operazione NATO, dunque con copertura USA, quando ancora Andreotti è capo del governo. Gli inglesi non possono andare a raccontare ufficialmente agli USA, ed alle burocrazie NATO, che sono contro l’arresto di Riina né che sono contro un tentativo fatto passare come di stabilizzazione di quella che appare una situazione confusa con un apparentemente incontrollato terrorismo giudiziario, la Grande Purga 1992-93. I Carabinieri andreottiani ottengono, in qualche misura, l’attivazione di un’operazione NATO con loro come agenti di Polizia Segreta CC-NATO sul campo. Ciò non li salva dalla persecuzione da parte della dittatura del Quirinale, pur permettendo loro di fare alcune cose nell’interesse di G.Andreotti e del blocco andreottiano, dunque nel loro stesso interesse.  

Grazie all’operazione di Polizie Segrete CCandreottiani-NATO, costoro arrestano Riina e mettono le bombe del 1993 (una delle solite classiche operazioni CC-NATO di supposta destabilizzazione-stabilizzante, il solito terrorismo supposto stabilizzante nel corso di un’apparente destabilizzazione). Intanto, a livello politico, obbligano S.Berlusconi a prendere la testa di un blocco anti-sinistro, anti-quirinalizio.

Il 27 marzo 1993, G.Andreotti riceve l’avviso di garanzia della Procura di Palermo con cui viene in pratica formalmente accusato e sputtanato per mafia. È la rappresaglia del Quirinale-britannici perché ha fatto arrestare Riina ed una chiara operazione per tenerlo marginalizzato. Il 14 maggio 1993, iniziano le bombe del 1993. Sono bombe dei CC-NATO andreottiani. Queste bombe vengono fatte bere alla NATO come una operazione di stabilizzazione di fronte al terrorismo giudiziario. Un classico. Arrestato Riina, i CC andreottiani manipolano la cosca di Riina per fini loro, non del Quirinale che proteggeva Riina. Non a caso Brusca, coperto dai CC andreottiani, viene arrestato dagli Squadroni della Morte della PS di Palermo.

Siccome tutti sanno, a livello di centri dirigenti UK-USA, che è in corso una Grande Purga per demolire il sistema politico uscito dalla IIGM e per consolidate la dittatura del Quirinale [imposta con Capaci] sotto controllo Mediobanca-NATO, non si può pensare che la NATO e gli inglesi facciano un’operazione contro sé stessi permettendo che si crei un fronte anti-Quirinale.

Lo ripeto. Nel corso del 1993, od anche quando Berlusconi è già entrato formalmente in politica, bastava un ordine di cattura per metterlo dentro. Cosa da cinque minuti. Il coglione medio non vota uno in galera. O bastava applicare normative sul conflitto di interessi, che già esistevano, e che avrebbero potuto impedirne la candidabilità. Se gli andreottiani vogliono il fantoccio che raccolga voti, l’Ambasciata Britannica vuole il pupazzetto che faccia da finta opposizione al loro nuovo regime e da facile bersaglio.

Ciò che viene realizzato è proprio questo. Come nel 1942-1943 parte l’operazione per dare il potere al Vaticano ed al suo partito, la DC, il tutto pur sotto stretto controllo anglo-americano, ed, in contemporanea, di creare un contro potere politico al potere non-assoluto (*) Vaticano-DC, cioè il PCI, ora, nel e dal 1992-93, si attua un’analoga operazione.
(*) Non-assoluto perché, a livello economico-finanziario, passa agli anglo-americani la finanza fascista (fascista anti-fascista, visto che, data la natura compradora d’Italiozia, era in intensi legami coi padroni inglesi ed angloamericani d’Italiozia, come con altri, già durante il monarco-fascismo) divenuta azionista, così come a livello burocratico gli angloamericani mettono subito le mani direttamente sulle varie Polizie Segrete già fasciste, OVRA inclusa, etc. Vi sono poi i mille vincoli della sconfitta e dell’occupazione militare.

Il 1992-93 è, in fondo, un banale regime change dove alla fin fine viene ristrutturato il vecchio, come sempre si fa nei regime change, con supposti fini di miglior controllo e miglior sfondamento, qui, ora, di un già alleato. Per cui, si tratta di uno sfondamento controllato che non intacchi il potere e le basi militari angloamericani. 

Nel 1944, gli anglo-americani si fanno prestare Togliatti dall’URSS e lo riempiono di soldi, immobili e potere di sottogoverno, sì che possa formare un partitone che in qualche modo si contrapponga alla DC. Per esempio, le stragi ed angherie partigiane, partigiane ‘rosse’, al nord, operate dagli Squadroni della Morte del PCI a guerra conclusa, servono a mostrare pubblicamente che il PCI ha coperture superiori, angloamericane. In realtà, il PCI, quello che crea Togliatti nel 1944, è anche un partitone ben agganciato a Confindustria, al sistema bancario compradoro già monarco-fascista, quello della Banca Commerciale che poi crea Mediobanca, alla stessa di DC. Il PCI, come la DC, gli altri pure, subentrano al PNF che era in precedenza subentrato a loro. Cambiano le etichette e le forme, non davvero le facce. La gente è sempre la stessa, checché se ne dica. Ve l’hanno contate e Ve la contano. La realtà è differente, come poi la persona media di solito ben percepisce quando non si faccia ottenebrare da ideologie ed interessi diretti e personali di raccontarsi e raccontare frottole.

Già durante il cosiddetto fascismo, il PCd’I era ben  connesso colla finanza fascista poi divenuta azionista-inglese. L’URSS dell’industrializzazione forzata era di area angloamericana, visto la tecnologia essa riceveva per il suo militarismo, per la sua economia di guerra anti-tedesca. Il Regno d’Italia era stato creato dagli inglesi. Idem il cosiddetto fascismo, che serve a risolvere la di-fatto-sconfitta bellica di Italiozia nel 1915-18. Il Regno d’Italia avrebbe ottenuto, da Austria e Germania, di più colla neutralità che entrando in guerra, guerra per cui non è minimamente preparata. Un’economia di guerra non si improvvisa. Invece gli inglesi obbligano il loro Regno d’Italia ad entrare in guerra contro Austria e Germania. Il ‘fascismo’ serve a fronteggiare la batosta bellica ed il disordine sociale che ne segue. L’Italiozia ‘fascista’ era in ottimi rapporti coll’URSS. Ah, già, dopo la guerra si sono dovuti inventare le favolette del PCI ‘antifascista’.

Dopo la IIGM, colla creazione del PCI, vi è il solito meccanismo della collusione e, per quello che è possibile, della competizione, colla DC. Tra l’altro, gli anglo-americani fanno dare al PCI un potere rilevante sul settore cultura, cioè nella disinformazione e nel lavaggio dei cervelli, sì che diffonda, peggio ancora della DC che pur ha, in suoi settori, delle pulsioni sviluppiste, culture reazionario-sottosviluppiste. Tutte le operazioni culturali del PCI hanno questa precisa funzione. La stessa invenzione del gramscismo ha quella funzione. Spesso inutili appunti di studio, dominati dai luoghi comuni e dalle banalità, vengono trasformati, con ulteriore reinterpretazione peggiorativa, nella cultura che si deve assimilare per apparire moderni e progressisti, e che apre carriere ben remunerate nell’Italiozia DC-PCI. Sono classiche operazioni reazionarie ed oscurantiste. Gramsci lo hanno fatto arrestare ed ammazzato loro, loro  PCd’I-URSS. In carcere, lo espellono dal partito. A Mosca è bollato come un traditore, dato che si era permesso di criticare Stalin, seppur solo nei metodi, non nella sostanza. Negli archivi moscoviti scrivono poi che è passato a GL. Infine, da morto, lo hanno usato per apparire il centro culturale dell’universo, ...con quattro banalità e mille scemenze! Potenza della propaganda angloamericana! Il PCI, da solo, non avrebbe potuto vendere quelle fresconate a tutto il mondo.  

Nel 1993, creata la dittatura Quirinale-Mediobanca nel 1992 (con Capaci e l’elezione di Scalfaro), e mentre la consolidano con la Grande Purga 1992-1993, che salva l’ex-PCI (i cui apparati sono subito stati apertamente comprati dal SIS-CIA non appena si dissolve, almeno in parte e relativamente alle forme precedenti, l’Impero Russo-Sovietico), i corrottissimi sindacati di ogni colore, e le famiglie mafiose di area Mediobanca, o comunque subordinate alla dittatura quirinalizio-compradora, gli anglo-americani creano un contropotere, anzi lo fanno-lasciano creare a G.Andreotti che, pur sconfitto a Capaci, non vuole lasciare la scena ed anzi intende continuare, pur da sconfitto, a fare il contropotere, dunque a preservarsi in qualche modo, pur senza avere speranze di poter nuovamente prevalere e conquistare le prime posizioni. Andreotti occupa, di fatto, glielo lasciano occupare gli inglesi per fini loro, il ruolo prima occupato dal PCI, almeno a livello di equilibri generali di potere.

G.Andreotti è uomo di potere. Non può vivere senza di esso. Non conosce altra vita che quella dei palazzi romani. È del tutto privo sia della fantasia che della genialità per potersi inventare qualcosa di differente. Dato che è lui che ha lanciato la Grande Purga (poi, con Capaci, presa in carico dalla dittatura quirinalizia-mediobancaria che controlla, con poteri assoluti, il CSM), le sue Polizie Segrete Carabinieri e prossime, ed i suoi apparati giudiziari, riescono a risparmiargli accuse di corruzione.

Si inventa la favoletta che Andreotti fosse stato onestissimo e che, per le esigenze della sua corrente, mandasse avanti gli altri per cui nulla gli sarebbe stato imputabile. Non è vero. Comunque, anche gli altri, mandavano avanti gli altri. Inoltre per entrare nel tritacarne mediatico-giudiziario non sarebbe neppure stato necessario essere direttamente responsabile di alcunché. Le accuse vengono inventate e poi lasciate cadere non appena la persona si ritira da tutto, a parte casi simbolo come quelli di Craxi, Forlani e taluni altri dove si pretendono dure condanne e carcere. Comunque, che G.Andreotti fosse stato pulito da finanziamenti illegali o da interessi personali nei flussi di soldi, le scuse inventate per giustificare che non sia stato giudizialmente infognato sono favolette propagandistico-giustificatorie, come s’usa in questi casi. Ha il potere militare di restarne fuori. Tutto lì.

Non ha invece il potere militare per restare fuori, pur poi con assoluzione finale, dal tritacarne per mafia, e poi da accuse di omicidio per Pecorelli. Viene usato un vanitoso del blocco sinistro come Caselli, ed altri come costui o pure peggio. Il primo giorno del primo processo, G.Andreotti, con tipico incedere mafioso, va da Caselli, nell’aula del tribunale, ad auguragli buona fortuna. Tra l’altro, per mafia, Andreotti è accusato di dettagli. Nessuno lo accusa mai per Dalla Chiesa, fatto assassinare dai CC andreottiani per questioni connesse al caso Moro. Né per Lima. Anche Pecorelli, come altri, viene assassinato per questioni connesse al caso Moro. È tutto coperto dal segreto politico-militare NATO, e dal segreto sullo stesso segreto. Certo che Andreotti, tecnicamente colpevole di tutto, viene assolto da tutto! Tra l’altro sarebbe tecnicamente colpevole come i governi ed i parlamenti, nel senso che si tratta del tipico delinquere di Stato, pur se G.Andreotti delinqueva con un gusto particolare. Alla fine, tra l’opzione puramente vendicativa di condannarlo senza prove, senza prove da tribunale, viene imboccata la saggia via di assolverlo. Non che cambi nulla se non per la sua immagine ufficiale e per chi creda nel valore storico, valore che non possono avere, delle sentenze giudiziarie. Una sentenza giudiziaria può avere un valore storico su sé stessa, non sui fatti su cui si pronuncia essendo la logica giudiziaria senza connessioni con la logica storica, seppur gli ampollosi giudici italici usino spesso le sentenze come pezzi letterari per mostrare i loro personali punti di vista su tutto e su tutti. 

G.Andreotti, un esperto, esperto sul campo non un teorico, di Polizie Segrete CC-NATO, e del loro uso, nel senso che se ne è sempre servito, anche in modo magistrale, per fini suoi fatti passare come di Stato, non crea, non fa creare il berlusconismo in modo che si veda la sua connessione con la sua persona. Lo crea, lo fa creare, e ne resta fuori. È come macchina che sembra nascere dal nulla e che poi va avanti da sola. Ma è il blocco di potere andreottiano, pur senza essere il suo blocco di potere che di testa sua decida di inventarsi il fronte berlusconiano. Burocrati ed interessi, quando non messi in liquidazione da concorrenti, passano facilmente coi nuovi vincitori, soprattutto quando si tratti di forti interessi sia interni che dei padroni anglo-americani, ed altri, d’Italiozia. In fondo, sono gli interessi economici, burocratici, inclusi quelli del tutto predatori, che fanno le politiche qualunque sia l’etichetta cui dicano di subordinarsi. Anche se esistono retaggi storici, di fatto solo psicologico-ideologici, di falsa coscienza, per cui si preferisca coprire interessi dietro taluni linguaggi, taluni immaginari, e non altri, per cui si preferisca un’etichetta ad un altra, anche se poi le politiche concrete portate avanti dalle varie etichette, dai vari contenitori supposti contrapposti o differenti, sono le stesse. Nella molteplicità dei microgruppi sociali di Italiozia, lo stesso è in realtà un po’ dappertutto, c’è chi preferisce o non si schifa per una etichettatura sinistra, mentre ci sono i furiosi “anti-comunisti”, o chi comunque abbia allergia per quella sponda. Non solo questo. Vi sono precisi interessi. Le allergie si variano facilmente quando il portafoglio sia in gioco. Guelfi contro ghibellini, fascio-cattolici contro fascio-comunisti, variano e si superano facilmente quando siano in gioco interessi personali.

Ogni microgruppo tende a massimizzare il proprio potere di ricatto, dunque predatorio. A volte lo si massimizza col voltagabbana aperto, a volte fingendosi contro. Creato un fronte finto-anti, molti microgruppi trovano conveniente aderirvi anziché passare apertamente e formalmente coi trionfatori ufficiali del regime change.  Tra l’altro, nel fronte non-sinistro, come del resto in quello sinistro, esistono mille sfumature differenti e pure mutanti nel tempo, in taluni casi. Nel fronte supposto anti-Quirinale, quello di Berlusconi-G.Letta esistono in gran quantità pro-quirinalizi di ferro, se non altro per evitarsi grane giudiziarie dato che è il Quirinale che governa i tritacarne giudiziari. Dai Casini ai Fini, a parte lo stesso G.Letta che non è un politicante ma un faccendiere a tutto raggio. E pure Bossi che, infine, quando sembra porsi come antagonista assoluto del Quirinale, viene rapidamente liquidato per corruzioni personali non certo nuove. Finché fa comodo, lo lasciano fare. Non appena Napolitano lo ordina, lo liquidano.

Come si è visto, i due campi, agli effetti elettorali, sono poi un 50%-50% con normali fluttuazioni di periodo o del momento. Tra, l’altro, pure in regime di dittatura quirinalizia, il regime italiota resta consociativo. Sono consociativi tutti i regimi del mondo, dal regime britannico a quello statunitense, che non fanno eccezione. È la logica del potere e degli interessi. La varie cosche confluiscono nel partito unico formale o restano, divise, nel partito unico plurale a seconda di fattori indeterminabili e di immagine. Le forme non cambiano gli interessi. Poi, quando manchino oligarchie sviluppiste, l’arruffo degli interessi si preoccupa solo del proprio tornaconto di piccola cosca contro tutte le altre dunque, alla fin fine, contro gli stessi propri interessi di lungo periodo di piccola cosca. Alla fine, si concorre al disastro comune pur di apparire appena più furbi e profittatori degli altri. Gli umanoidi sono fatti così. 

Sta di fatto che un blocco andreottiano, dagli andreottiani stretti a quelli fluttuanti (si veda quello che è poi stato il fronte che vedeva Berlusconi come faccia principale e G.Letta come governante reale), resta una permanenza del regime di dittatura quirinalizia e, almeno nelle conclamazioni di una parte, come opposizione alla stessa, ora con pulsioni modernizzatrici ma sempre, alla fine, con adattamento alla predazione burocratica ed oligarchica.

Alla fin fine, perché l’elettore passa davvero scegliere, è sempre meglio che scelga tra due opzioni. La scelta ampia è una finta maggiore cromaticità che rende impossibile una vera scelta dato che si sceglie inevitabilmente una parte che non avrà neppure i numeri per fare quello ha dichiarato per ottenere voti. Sebbene non sia neppure così semplice ridurre la opzioni ad una scelta binaria, scegliere tra due partiti ben decisi a fare quel che proclamano dà un vero potere all’elettore, o così di dice e così sembra. Così potrebbe essere, se il tutto non fosse più complicato per la presenza di altri fattori. Già lo scegliere tra blocchi di partiti o tra partiti frazionati, anche se la scelta è solo tra due, dà a priori la garanzia assoluta dell’incontrollabilità da parte dell’elettore, il cui voto è in partenza un voto sul nulla. D’altro canto, sia la scelta tra due o tra mille, la garanzia per le oligarchie controllano i giochi, per chi controlla il Moderno Principe con apparenza impersonale e burocratica, è che chiunque vinca porti avanti politiche [policies] sostanzialmente simili. Dunque, votare è del tutto irrilevante, inutile. Che non è una enunciazione normativa, il suggerimento di un comportamento, ma solo una constatazione. Ovviamente ciascuno faccia come crede o preferisce. Non ce ne viene nulla in tasca né altrove.

Andreotti fa creare questo fronte andreotto-‘berlusconiano’ ma poi non ammicca, non fa credere di avere un qualche ruolo anche perché non lo ha, non direttamente, non come puparo degli affari quotidiani del fronte berlusconiano. A voler ragionare colle procedure di Polizia Segreta, sono come eterodiretti da un G.Andreotti che usa questa sponda andreottiana occulta sia come vendetta contro chi l’ha battuto a Capaci, ed oltre, sia per sopravvivere nel suo lavoro di senatore a vita, di notabile. Il G.Andreotti del dopo Capaci vive di forza propria ma perché il blocco già andreottiano-andreottiano [dell’Andreotti presente ed attivo nelle istituzioni centrali e di governo] si perpetua come forza organizzata e con rappresentanza istituzionale. Andreotti conserva una chiara forza nelle burocrazie centrali, pure in Vaticano, se dal Quirinale nessuno ordina ai giudici di Palermo e di Perugia di fargli fare la fine di Craxi e Forlani, e pure peggio visto ciò di cui era accusato.

Varia letteratura ha sottolineato come molti entrati in politica raramente riescano poi a fare altro, ad inventarsi altre professioni. Ciò vale ancor di più per chi una professione differente non l’abbia mai avuta o l’abbia presto abbandonata per la politica. In effetti, la politica corrompe. Il potere corrompe, come corrompe l’illusione di averlo e di essere compartecipi del potere. Infatti corrompe ancor di più l’essere burocrati statali e pubblici a vita. Si guarda spesso al politico ma per tacere su chi ha il potere reale ai vari livelli degli uffici cosiddetti pubblici, in realtà privatizzati dai funzionari li controllano.

G.Andreotti fa lanciare una macchina (FI ed il fronte obiettivamente anti-dittatura del Quirinale-NATO) che va poi avanti da sola. Lui personalmente si mimetizza in gruppi parlamentari di centro (non berlusconiano - formalmente tra personale politico già DC di frazioni che gli sono state e gli restano avverse, per cui è chiaro che Andreotti sta dissimulando), dal 2006 al 2008 nel Gruppo Misto, e sopravvive, al Senato, come notabile delle istituzioni, come uno battuto ma che non lascia il campo. Non è capace di inventarsi una professione differente. Scrive ma senza la vera passione del ricercatore, neppure come vero scrittore nel senso che non può portare sulla pubblica piazza quello che ha conosciuto della vita reale e delle istituzioni reali nella sua lunga pratica istituzionale, così come nel trattare con individui ai vari livelli, e nella manipolazione sia di individui che di masse. 

L’Ambasciata Britannica, con USA e NATO, possono non avere avuto la forza né l’intenzione di andare alla sfondamento del blocco andreottiano. Non ne avevano neppure l’interesse visto che, alla fine, loro interesse era la solita subordinazione d’Italiozia come una delle loro basi militari, come uno dei loro mercati, e rubacchiate, assieme alla oligarchie e burocrazie predatorie italiche, in occasione delle privatizzazioni ed in altre circostanze.

Sottolineiamo che il blocco mediobancario-sinistro-quirinalizio non è socialmente radicalmente differenze. È solo più organicamente espressione delle oligarchie predatorie del blocco compradoro di Mediobanca. Dal lato opposto del blocco di  Mediobanca, ma non realmente opposte ad esso, stavano le burocrazie predatorie e l’industria di Stato progressivamente, anche se non del tutto, demolita col 1992-1993 ed interventi successivi. Ogni privatizzazione, senza  creare strutture efficienti per controllare ed indirizzare l’economia privata, toglie potere ad uno Stato inetto e predatorio per passarlo a privati non meno inetti e predatori. Non diciamo che sia meglio una soluzione o l’altra. Ci limitiamo ad enunciare i problemi e lo stato delle cose, nel contesto dato.  

Le operazioni di ristrutturazione istituzionale [la creazione della dittatura del Quirinale che rimpiazza quella dei partiti] dell’Ambasciata Britannica, del blocco di Mediobanca, degli USA-NATO, sono pure manovrette di potere loro, ed anche mal pensate e mal attuate. Non sono operazioni di ristrutturazione sociale né economica  modernizzatrici. A loro va bene la solita Italiozia servile e che vivacchi, di fatto sempre più malamente, senza far paura e nessuno.

Del resto, nel mondo, dove si sono creati, o ricreati, o perpetuati, Developmental States, ciò è avvenuto perché forze interne, pur nella subordinazione ad UK-USA, usavano le circostante per non farsi distruggere nell’economia e nello Stato ed anzi per preservare, o costruire, ed incrementare produttività, in attesa di tempi migliori oltre i presenti di dipendenza compradora. In Italiozia, oligarchie sviluppiste non sono mai esistite. Sono esistite pulsioni  in vari periodi ma senza che lo Stato assumesse mai le caratteristiche di Developmental State, con centrali dello Stato resilienti e relativamente isolate da pressioni dei microgruppi interni ed imperiali, oltre che con gli strumenti di potere ed istituzionali di fatto per implementare opzioni sviluppiste in tutte le circostante formali ed apparenti. Al contrario, lo Stato italiota nasce come Stato al servizio delle predazioni private e burocratiche.

Lo Stato inglese usa i privati per la modernizzazione e per lo sviluppo accelerato. Le oligarchie predatorie italiche usano lo Stato italico come copertura per le loro truffe e come cassa per ripagarsi dalle loro perdite, quando ne abbiano, oppure come finanziatore di loro rendite e predazioni.  

Dopo la IIGM, Italiozia crea Mediobanca, con a capo un mafioso compradoro-inglese come Enrico Cuccia, per dare maggior forza alle oligarchie predatorie private italiche contro lo Stato DC. Nella DC, o tramite la DC, si esprimono anche delle pulsioni sviluppiste. Esse sono tuttavia rapidamente frustrate e represse dall’ordine complessivo voluto dagli angloamericani e che nessuno, in Italiozia, contrasta. 

Col 1992-93, quando il blocco mediobancario e l’Ambasciata Britannica, si impadroniscono del Quirinale, ed instaurano la dittatura del loro Quirinale impadronendosi della macchina in corsa della Grande Purga lanciata da G.Andreotti per fini suoi, devono subito ricrearsi una finta opposizione per controllare i loro. Come quando, col 1942, il Vaticano si attiva e si propone, con la sua DC, come elemento chiave del post-monarco-‘fascismo’, UK-USA si impadroniscono, almeno in parte, della DC con lo spauracchio del loro stesso PCI che gli inglesi si creano a Salerno, nel 1944, con Togliatti. Lo riempiono di soldi, immobili ed armi. E poi dicono alla DC che c’è il “pericolo comunista”. Lo creano gli angloamericani, in parallelo alle mafie! Col 1992-1993, gli UK-USA hanno bisogno di creare il loro contropotere all’ex-PCI che usano come parte centrale del ‘nuovo’ personale politico. SIS e CIA si sono apertamente comprati i quadri ‘comunisti’ colla dissoluzione del muro di Berlino e dell’URSS. E quelli che non si sono direttamente ed apertamente comprati, li eterodirigono in vario modo.

Il blocco andreottiano si sceglie Berlusconi, come uomo di paglia, di facciata, sia per le sue capacità imprenditoriali che per quelle di marketing. Berlusconi e prossimi potrebbero essere facilmente sfondati, messi fuori gioco, in pochi giorni e settimane. Le Polizie Segrete Carabinieri ed altre, che implementano la Grande Purga nelle Procure ed annessi, hanno dossier su tutto e su tutti. Sta di fatto che scelgono di non andare allo sfondamento dei Berlusconi ed area.

Si limitano ad un assalto continuo, ad una pressione costante, solo dopo che è entrato in politica. In realtà, potrebbero liquidarlo in qualunque momento anche dopo che è entrato in politica, eppure preferiscono tenersi lo spaventapasseri. Quando Napolitano ne ordina infine la liquidazione, ecco che si salva egualmente e non, evidentemente, per qualche forza od abilità sue che non è che contino davvero in queste cose. Basta un ordine, e si ritroverebbe in prigione anziché ai finti “servizi sociali”. Quando lo decideranno, lo liquideranno davvero, se mai accadrà. Ormai sono più di 20 anni che è sulla scena politico-istituzionale.

Questo significa che l’Ambasciata Britannica vuole un fronte berlusconiano per meglio controllare, per tenere sotto pressione, dunque per meglio asservire, sia i loro sinistri ed altri, che la loro dittatura Quirinale-Mediobanca. Al fronte berlusconiano, o reputato tale, viene fatto giocare lo stesso ruolo del PCI nell’epoca della dittatura dei partiti. Prima, gli angloamericani si erano inventati il “pericolo comunista”. Col 1994, si sono inventano il “pericolo berlusconiano”, cui in realtà gli inglesi danno molto meno potere di quello prima dato al PCI, anche perché il fronte berlusconiano è, già di per sé, più radicato a livello di forze produttive e di apparati burocratici. Di conseguenza, la stessa isteria anti-, inventata ed imposta dagli angloamericani, è ben più feroce contro Berlusconi di quanto lo fosse stata quella contro il PCI. Il PCI vendeva culture oscurantiste. Il berlusconismo, pur con pratiche di governo non differenti dal blocco Mediobanca-sinistro, vende culture modernizzatrici, o moderatamente modernizzatrici, od in qualche misura modernizzatrici. Dunque è ben più pericoloso del già-PCI, sia per gli angloamericani per la UE tedesca.

Anche qui siamo a livello di constatazioni facilmente verificabili, non di preferenze, che chi scrive non ha, come non se ne debbono avere se si analizza davvero, sebbene analizzare non schierati e non prostituiti non renda, e, se renda, ‘renda’ solo costi. 

Quello che viene fatto apparire è ovviamente, come sempre, solo lavaggio/insozzo dei cervelli per le masse, inclusi in esse pure gli intellettuali che si credono informati. Non che coloro disinformano, e grandissima parte di coloro li comandano, sappiano quello devono deformare o rivoltare, conoscano come stiano le cose e poi le cambino secondo convenienze loro indicate. Per nulla! Non conoscono quale sia la realtà delle cose loro devono presentare in modo falso, di comodo. Sanno solo quello devono propinare. Il pidocchio medio, intellettuali inclusi, è naturalmente, per predisposizione innata, compiacente al potere.

Se il poveraccio è compiacente per il naturale servilismo di chi sia ai livelli più bassi della scala sociale, temendo, se non servile, di sprofondare ancora più in basso, salendo nella scala dei redditi il pidocchio medio è compiacente per difendere la sua acquisizione di redditi più alti che potrebbero anche cessare o ridursi se venisse visto come in rotta di collisione, o non sufficientemente supino, al potere. Se l’ignorante è compiacente perché il lavaggio/insozzo dei cervelli di cui si occupano i media ha fatto leva sui suoi istinti elementari, salendo nella scala culturale ci si creano giustificazioni intellettuali, dunque appena più elaborate, in apparenza, per la propria compiacenza al potere. Il conformismo del pidocchio medio non cambia con le differenze di reddito e culturali. Assume solo forme differenti. Null’altro.

Ad una mente analitica sorge spontanea la domanda chi sia il “pidocchio medio” e chi sia al di fuori della media. In effetti, potrebbe essere un’impresa magari quasi impossibile trovare individui fuori dalla media, dunque che non siano plasmati dai meccanismi mediatici e culturali di lavaggio/insozzo dei cervelli e di creazione di riflessi condizionati pavloviani. Non parliamo di ‘opinioni’ ‘politiche’ e/o ‘culturali’, diremmo ostentate. Bensì dei meccanismi profondi, che sono identici anche in chi ostenti, o ritenga di avere, o sembri avere, od appartenere a, orientamenti o schieramenti differenti. Questi meccanismi profondi sono fondamentalmente identici, anche se poi interagiscono con storie ed interessi personali inducano a dichiararsi o ritenersi di orientamenti politici, o culturali, o d’altro genere, che si dicono o si vorrebbero differenti. L’essere si combina con la falsa coscienza ci si crea o ti creano. L’apparenza domina, pur non cambiando la natura essenzialmente simile, relativamente al potere, della gran massa degli individui.    


Disinformazioni e condizionamenti mentali, pur forse più evidenti colle tecnologie odierne, non sono fenomeni così nuovi come si preferisce spesso credere. Nulla cambia, nelle successioni storiche, se non le forme, le apparenze, di meccanismi di potere e di dominio sostanzialmente identici. Cambiano le tecnologie, non le relazioni di potere e di assenza di potere. Anche perché gli individui, tutti poi così identici, non cambiano con le supposte evoluzioni storiche. Le circostanze li fanno sembrare differenti. Eppure, il fatto che siano così facilmente mutevoli a seconda del cappello che indossano, o sia fatto loro indossare, indica delle permanenze che attraversano i secoli ed i millenni, nonostante i lavaggi/insozzi dei cervelli vendano evoluzioni positive e cosiddette civilizzazioni intese come superamenti di supposti istinti primordiali selvaggi. No, nulla cambia, salvo le forme. Si evolvono le tecnologie, dunque la possibilità sia costruttive che distruttive, non gli individui. Si osservi, senza lenti deformanti ed occultanti, l’evidenza empirica. Non esistono evoluzioni dentro gli individui, bensì solo esterne ad essi. E che non mutano gli istinti di fondo, né su di essi influiscono. Semmai, le evoluzioni tecnologie aumentano il senso di onnipotenza del potere e di chi ad esso sia partecipe in un modo o nell’altro.