25 December 2012

Letter from Lhasa, number 298.
The Monti’s Agenda is a corruption’s agenda

Letter from Lhasa, number 298. The Monti’s Agenda is a corruption’s agenda
by Roberto Abraham Scaruffi

Monti, M., Cambiare l’Italia, riformare l’Europa. Un’agenda per un impegno comune. Primo contributo ad una riflessione aperta, 23 December 2012.
(Monti 2012).
Mario Monti

The Monti’s Agenda is a classic Italiotic fraud. It is the usual list of things to be done in the future, while now nobody did anything and be doing anything.

Technical governments are coup d’État governments. Of course, they always have parliamentary support. Such was the Monti government, put in office as outcome of one of the usual coups d’État of the Quirinale (the Presidency of the Republic under Anglo-American and German control) against governments coming out from general elections.

Since Mr. Berlusconi is considered an outsider, relatively to predatory bureaucracies and oligarchies, so not titled/authorised to really be in office, not only he is de facto deprived from whatever control on Secret Police corps (which are anyway under the subversive supervision of the Presidency of the Republic, as all governments and Parliaments since 23 May 1992), but he is under constant assault from the Carabinieri-NATO Secret Police corps, with annexed judiciary, at Quirinale orders. The November 2011 coup d’État was the outcome of one of this assaults.

Since the impossibility to destroy Berlusconi by mafia and corruption inquires (ordered to the Palermo and Milan, as well as other, Prosecution Offices under tight Quirinale-Carabinieri Secret Police control, since when Berlusconi formally entered politics in January 1994), President Napolitano ordered to involved Mr. Berlusconi in some sexual dirty scandal. So, hundreds of investigators, with annexed judiciary, were unleashed with this goal.

As usual, the Quirinale, with Anglo-American and German, full support, internationally defamed Mr. Berlusconi representing him as his main concern and activity were to organize orgies and participating in them. Internationally defamed again, in this way, Berlusconi and his government, it was claimed by media, largely under control of the Quirinale-Carabinieri Secret Police corps, that the solution to financial problems (the relative high rates of the public debt bills) were to replace Berlusconi with the London’s Mason, welcome to the Germans, Mario Monti.

Actually, the responsibility of the financial problems and of the out-of-control public debt was of the Quirinale-bureaucratic-oligarchic bloc that, in 2006, rejected the Berlusconi Constitution which gave real power to formal governments and to electors. With a government able to really govern, without the constant threats of the predatory bureaucracies and oligarchies whose institutional cupola is the Quirinale, both bureaucratic reform and public debt could be dealt in some effective and efficient way. Not casually, such Constitutional reform would have permitted governs to govern and would have deprived the Quirinale of its coup d’État power, was obsessively assaulted by media and massively rejected from brainwashed voters.

What did Monti, in his one year government? He did nothing, from the point of view of a real institutional reform permitting governs to govern. He was put in office from the predatory bureaucratic and oligarchic bloc refused whatever institutional frame could obstruct its predations and from a Germany only concerned in rapidly marginalizing Italy also from the point view of its real revenues, after that Italian industries were progressively sunk and destroyed since the joint action of Italiotic predatory bureaucracies and oligarchies, and of Anglo-American and German interests.

In one year of Monti government, despite it claimed expenditure massive cuts, taxation dramatically increased and pubic debt equally increased, what means that State expenditure considerably increased, and it increased only for bureaucratic and oligarchic predations. Central and local governments are going on with the corrupted bureaucracies’ practice of not paying suppliers, so many small and middles size companies close only because they are not paid from government and they cannot access credit. With high public debt and its relatively high rates, banks feel safer investing in public debt bills instead of providing credit to small and middle size companies. On the contrary, the predatory area has not any problem to access low rate credit.           

In Italy, public debt could be reimbursed in 3 years and growth rates dramatically increased (now there is a kind of permanent recession or stagnation) by cutting public current expenditure (which largely is wastes and predation) of 75% (and using investment expenditure not for financing useless public works, as it is done now, but for effective maintenance).

That would mean to put on the labour market now useless bureaucrats while, still while reimbursing public debt, the now impossible fiscal pressure could begin to be cut. At reimbursed public debt, fiscal pressure could be drastically cut. Such an operation would immediately create the expectations of a rapid and drastic cut of taxation. The whole economy would receive a strong and long lasting positive shock.

Of course, no comprador-predatory bureaucracy and oligarchy would allow that. So, they invent the Montis.  

Actually, the first necessary (from a developmental point of view) reform would be the institutional reform (a reapproval of the 2006 Berlusconi Constitution would be perfect, as a first possible step), because, without it, no government has the power to really govern, so to do anything.

What are the Monti proposals? Fried air:
1. An electoral system not guaranteeing any parliamentary majority.
2. A partial reimbursement of the public debt, 5% a year ...from 2015!, until stabilising it to 60% GDP. How with a formal government can only depress economy by increasing taxation while not even paying suppliers?
3. The usual predation of the public patrimony.

When a State cannot efficiently manage its resources, it cannot efficiently privatise anything. For instance, in the past, at the times of the Andreotti-Berlinguer regime, as a great bureaucratic predation, were de facto stolen, with the full agreement of all the corporations, the pension funds (various times the present public debt). Now, pension public boards have no capitalization. When, with the 1992 coup d’État / Great Purge, there was the privatisation mania, public debt dramatically increased from 100% to 125% GDP while State and local council companies were refinanced with public funds and stolen from predatory oligarchies.    

Check The Monti’s Agenda. It is the usual list of things they have not done and they cannot do, with various tricks for going on with bureaucratic and oligarchic predations. On the other side, the predatory-comprador bloc put Monti in office with the agreement of a Germany is progressively marginalizing all the ethnically not Germanic areas.

The 2011 Napolitano-Quirinale coup d’État was the usual underdevelopmental coup d’État, not a developmental one. The Carabinieri-Quirinale-NATO Secret Police / Death Squads, with annexed judiciary, are a comprador underdevelopmental bureaucracy in Italy, nothing else. They are criminal and maniacal comprador soldiers at the service of institutions controlled from the predatory bureaucracies and oligarchies.  

The goal of The Monti’s Agenda is just a politicking operation for exploiting the brainwashing in favour of Monti operated from media massively under tight control of the Carabinieri-Quirinale-NATO Secret Police / Death Squads, with annexed judiciary, for trying increasing of some percentage points the votes of the corrupted populist pseudo-centre of Casini-Montezemolo, for a Senate without any majority. On the contrary, thanks to the Berlusconi electoral law, the Camera will have a sure 55% majority.

Actually, more precisely, this 55% will be the outcome of two parties, if the lefts will gain election, with the far-leftists always used from the Quirinale for collapsing lefts’ governments. For this reason the Quirinale wanted them with a PD could better win without leftist allies. General elections are won in the centre. Here, the centre is devastated from the Carabinieri-Quirinale-NATO Secret Police / Death Squads, with annexed judiciary.  

Created such a situation, Monti hopes to be elected either President of the Republic or dictator of a new and useless technical/coup d’État government for perpetuating the bureaucratic and oligarchic predation, and for the pro-German further controlled sinking of Italy. Sunk France, which structurally (check the occupation rate, a good proxy for a variety of indexes) is in bad conditions, the German sub-Empire will be solidly established.

Despite current vulgates, the main responsibilities are of internal comprador predatory bureaucracies and oligarchies, not of external irresistible forces. The euro is not guilty. Look beside you! Look at yourselves! With ‘national’ currencies you would sunk even speedier.

Debt is the problem not the solution. Idem inefficient and predatory States.

Monti, M., Cambiare l’Italia, riformare l’Europa. Un’agenda per un impegno comune. Primo contributo ad una riflessione aperta, 23 December 2012.

15 December 2012

Letter from Lhasa, number 297.
Bilancio del Governo Monti

Letter from Lhasa, number 297. Bilancio del Governo Monti
by Roberto Abraham Scaruffi

La Voce, Bilancio del Governo Monti, http://www.lavoce.info , December 2012.
(La Voce 2012).

L’opuscoletto ha un taglio nettamente propagandistico. La BCE, i governi europei e Napolitano hanno stabilito che con Monti il clima era cambiato ed ecco che, per prodigio, il governo di colpo di Stato contro il governo eletto ha aperto l’era dell’oro. Dal baratro alla cuccagna, alla fine bastava rimuovere Berlusconi. Tito Boeri è solidamente col partito del colpo di Stato quirinalizio.

Siccome Tito Boeri capisce poco, nulla, di spread, che è un differenziale, confonde, oh solo di un paio di zeri, l’1/100 con l’1/10'000, per cui fa divenire una certa differenza tra 1.43% e 0.93%, come fosse invece una differenza tra 143% e 93%. 100 punti di spread sono un 1%, non un 100% 

Tito Boeri evoca una crisi alla greca, Berlusconi fosse restato al governo. Dimentica di dire che cosa abbia fatto Monti, oltre a salassare di tasse, per regalare soldi ai banchieri interni ed esterni, e non fare alcuna riforma radicale (e semplicissima, perché quando sono complesse non sono radicali né risolutive) di una pubblica amministrazione predatoria, come lo stesso sottolinea con altre espressioni.

Per arrivare al colpo di Stato del novembre 2011, Napolitano attiva centinaia di ‘investigatori’ per montare lo sputtanamento-fika di Berlusconi. Le stesse forze ordinano ciò al Quirinale montano, nell’immaginario, una crisi finanziaria e di bilancio. Arriva un Monti presentato come castrato ed ecco che la crisi si risolve magicamente, mentre ammazza di tasse ma senza tagliare spese. Anzi taglia spese, ma siccome la spesa aumenta ed il debito pure, deve spendere ancor di più di prima a meno che i soldi non si volatilizzino.

Non esiste un solo elemento strutturale che indichi una qualche soluzione del problema di Italiozia che è il debito pubblico (che con Monti aumenta nettamente), debito pubblico da rimborsarsi e basta, non da contenere. Monti aggrava, mentre si esibisce in barzellette da bar presentate in Italiozia e nel mondo come grandi verità di un politico navigato.

Il lettore si aspetta che l’opuscoletto dia qualche elemento per capire che cosa Monti abbia risolto. O non c’erano problemi, prima di lui. O lui, adulato pur sfasciando, gode di protezioni interne ed internazionali d’altro genere per altri motivi per cui ecco che la sua immagine viene venduta come differente.    

Angelo Baglioni si riferisce al Fiscal Compact ed al trasferimento delle vigilanza bancaria alla BCE. Senza Monti, anche con un governo B.Grillo, non sarebbe cambiato nulla, a parte l’eccitazione, o meno, apparente della Merkel a seconda dei volti si trova in prossimità. No, no, Baglioni non porta altra luce.

Maria Flavia Ambrosanio e Massimo Bordignon iniziano raccontando che Monti avrebbe riequilibrati i conti pubblici. Senza alcun rimborso del debito pubblico, che anzi è aumentato, e solo aumentando, e pure pesantemente, le tasse, o si incrimina Tremonti per alto tradimento, oppure non è che qualcosa non torni. Non torna proprio nulla. Cosa Monti abbia riequilibrato sono solo gli euro-miliardi regala ai banchieri, ed alle solite oligarchie e burocrazie predatorie. Tutto il resto lo ha squilibrato.   

Maria Flavia Ambrosanio e Massimo Bordignon tratteggiano, con rapidi dettagli, il gran pasticcio fiscale del governo Monti. Beh, se questo è ciò che ha risolto, potevano evitare di dire, contraddicendo la loro stessa dichiarazione iniziale, che non ha risolto nulla, e pur pasticciato ed aggravato tutto.

Agar Brugiavini e Roberta Rainato seguono lo schema standard di questo opuscoletto. Dichiarano che Monti ha risolto e poi descrivono che ha solo pasticciato ed aggravato ulteriormente. Il temino del paragrafo è la riforma pensioni. 

Complicazione legali come la definizione confusa di chi rientri nella categoria di esodato, dunque assoluta incertezza del diritto, tagli vari alle pensioni con tecniche varie del tutto usuali, danno un quadro di approssimazione e di consuetudinarietà. Dove sono le innovazioni? Dove sono i meriti? Dove vanno i soldi risparmiati visto che il debito pubblico aumenta? Nessun altro governo avrebbe potuto fare peggio del ‘grande’ governo Monti.

Tito Boeri e Pietro Garibaldi informano il lettore che “La riforma del mercato del lavoro è la grande incompiuta del governo Monti.” Se lasciamo parlare loro, dicono di più di qualunque critico tendenzioso, supposto loro non lo siano: “Molte misure sono destinate a essere inefficaci e aumentare il grado di incertezza sul mercato del lavoro.”

Raccontano che Monti, quando ha chiesto la fiducia su tale riforma, si è impegnato a cambiarla e che anzi la Fornero la ha un po’ già cambiata, ...con una circolare, di una settimana dopo, sui contratti a termine! Una circolare! Chiedi la fiducia e poi rettifichi aspetti di una legge con una circolare, dopo una settimana. Tali sono i ‘tecnocrati’ all’italiota! Sono dei pagliacci. E pure chi li adula. 

Sarebbe più efficiente fare leggi che delegano materie al governo, che a sua volta provvede in via amministrativa, e con controllo parlamentare. È troppo difficile, impossibile, in regime di predazione burocratica. Perché un governo potesse dismettere ed assumere burocrati da un giorno all’altro governerebbe, che è proprio ciò la dittatura quirinalizia, ed i padroni inglesi ed altri d’Italiozia non vogliono.   

Tito Boeri e Pietro Garibaldi accennano anche all’assenza di risultati del “tavolo sulla produttività”. Già il solo immaginarsi che un soviet sulla produttività posso incrementare la produttività, invece che essere solo una perdita di tempo, è una demenzialità. La produttività dipende dall’innovazione e dall’organizzazione. Le chiacchiere su ciò sono la scelta opposta.

Francesco Giavazzi parla di 4 punti PIL di imposte dell’ultimo Berlusconi e del primo anno, e forse ultimo, di governo Monti. Se un punto PIL di tasse si traduce in -3, in tre anni, qui si dovrebbe essere ad un -12. Meno o più se si applicano altri coefficienti, altri moltiplicatori. Per cosa? Per distribuire flussi enormi di fondi alle oligarchie predatorie burocratiche e private. Non male, per il partito dello sfascio.

Ovviamente, Francesco Giavazzi deve prostrarsi di fronte all’Impero e riconoscere “al governo Monti il merito di aver drasticamente cambiato le aspettative, evitando un anno fa un default che appariva sempre più probabile”. Sì, insomma, le Polizie Segrete CC quirinalizie, agli ordini di Napolitano, di un Napolitano sporcaccione, creano l’aspettativa del crollo da fika. Liquidato, per questo, e solo per questo, Berlusconi, le aspettative sono ora sul nero nerissimo fisso. 

Fabiano Schivardi elenca alcune misure in direzione di una maggiore concorrenza ma confessa l’assenza di qualunque rivoluzione culturale nel campo. Dunque, Monti ha seguito la solita politica dei rattoppi, senza sboccare, alias frantumare, il sistema burocratico ed oligarchico. Non è che uno messo lì da quelli potesse liquidarli...

Francesco Daveri cita varie cose sullo sviluppo. Alla fine, il governo Monti avrebbe solo reintrodotto un carrozzone come l’ICE, pur non finanziandolo. Il che indica una logica tutta interna alla protezione ed espansione dello Stato Predatorio

Carlo Scarpa racconta, nella sua paginetta, che nulla è stato fatto dal punto di vista delle privatizzazioni e nulla neppure dal punto di vista, più importante, dell’efficienza di eventuali privatizzazioni o loro assenza. Checché se ne possa pensare, il punto non è chi sia il proprietario formale, ma la qualità ed il prezzo dei servizi resi.

Daniela Marchesi racconta che il governi Monti ha fatto grandi cose per la giustizia civile. Il filtro per i processi di appello, per cui l’appello sarebbe accordato sulla base delle probabilità che il ricorso possa essere accolto, sembra una cosa del tutto cervellotica e di dubbia Costituzionalità. Liberalizzare le tariffe degli avvocati è di certo ottimo, ma non sembra una gran cosa. Nella sostanza, il supposto grande lavorio del governo Monti sembrerebbe un nulla. Una regola base delle burocrazie italiote è che il loro potere dunque la loro corruzione dipendano dall’arretrato. 

Nerina Dirindin svolge il temino sulla tutela della salute. Oltre i tagli di spesa, che di per sé non sono necessariamente male visto che la Sanità è una grande predazione, il governo Monti non ha fatto nulla. Gli stessi tagli solo per risparmiare e non per efficientizzare rispondono alla logica miope di pure compatibilità di bilancio. Magari hanno tagliato l’utile ed aumentato il finanziamento alle predazioni, che è la missione generale del governo Monti.

Daniele Checchi e Tullio Jappelli raccontano come, nel settore della pubblica istruzione, il governo Monti si sia barcamenato senza avviare alcun cambiamento positivo. 

Marco Ponti plaude a modesti tagli nel finanziamento dei trasporti pubblici. Tuttavia, poi, dipinge un quadro generalizzato di rinvii compreso nel settore delle regolazioni. I pendolari e gli altri utenti non hanno ragioni di felicità, né di speranza.

Daniela Del Boca rappresenta un quadro di peggioramento delle politiche per la famiglia con effetti negativi sullo stesso mercato del lavoro.

Marzio Galeotti ritiene che il governo Monti non abbia mostrato particolare interesse per le questioni energetiche. Gli alti costi, le incerte prospettive, i fumosi piani nucleari, e l’influsso negativo che tutto ciò ha sull’economia sono evidentemente fuori dai suoi interessi.

Alfonso Fuggetta, sul digitale, tratteggia un quadro di cronico ritardo e con il governo Monti che ha creato una nuova Agenzia, altra burocrazia. In pratica, le pubbliche amministrazioni fanno allo scaricabarile per far poco e male. Che non fosse stato meglio che i governi non avessero fatto nulla, anziché creare solo ostacoli?   

Sergio Briguglio enfatizza il cambiamento di stile sulla immigrazione. Ai tempi della “rozzezza leghista”, i media enfatizzavano ogni decesso. Ai tempi della finezza montiana, i media hanno sostanzialmente silenziato i decessi di immigrati in rotta vero Italiozia. Una svolta mediatico-razzista.

Lo stesso governo ha assunto misure sostanzialmente razziste. I lavoratori esteri altamente qualificati ora favoriti, non si capisce che verrebbero mai a fare in Italiozia. L’aumento delle sanzioni contro imprese che occupino illegalmente stranieri colpisce gli stessi irregolari, oppure è una grida manzoniana. A ciò si sono mescolati pasticci legal-burocratici, proroghe, resistenze di ogni genere alle regolarizzazioni.

In realtà, l’immigrazione sarebbe una materia da regolare in via amministrativa e con visioni libertarie. Leggi a stratificazioni successive, e per mantenere basse promesse a bassi istinti di elettori o di politicanti, creano solo una massa normativa ingestibile. 

Luigi Guiso la butta sulla crisi di fiducia risolta dal governo Monti. Dato che la crisi di fiducia era stata determinata dall’azione delle Polizie Segrete CC quirinalizie, su ordine di Napolitano, e da imposizioni estere, si è a livello di immagini create con tecniche propagandistiche militar-poliziesche.

Alle fanfaronate pubblicitarie di Monti ha corrisposto una drastica contrazione del PIL, che si prospetta lunga. Per Luigi Guiso, è tutto ottimo perché la patria è salva grazie a Monti. Anzi dice che Monti avrebbe potuto sfruttare i suoi poteri di fatto dittatoriali per fare di più. Retorica vuota. Perché dei poveri burocrati compradori, messi lì per lo sfascio, avrebbero mai voluto fare di più, di meglio e di differente? Hanno fatto il loro lavoro. 

La Voce, Bilancio del Governo Monti, http://www.lavoce.info , December 2012.